Indietro
menu
Alle prese col green pass

Disagi trasporto pubblico. Start: nel riminese saltati 37 turni

In foto: un autobus Start Romagna
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 15 ott 2021 18:10 ~ ultimo agg. 16 ott 11:25
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La prima giornata di convivenza con la necessità di presentare il green pass si chiude per Start Romagna con 85 turni di lavoro saltati nel bacino romagnolo su 540 previsti dalla mattinata. Ieri l’azienda aveva spiegato che era 99 i lavoratori privi di green pass e di questi 37 in provincia di Rimini dove i turni saltati sono stati 37 su 219 previsti. “L’impegno – spiega l’azienda – è stato quello di limitare al massimo i disservizi sulle corse scolastiche, già alle prese con la necessità di garantire una capienza massima dell’80% e con il ricorso a mezzi di aziende private per il trasporto degli studenti al 100% in presenza nelle scuole”.

Start evidenzia come il numero di lavoratori “assenti ingiustificati” varierà di giorno in giorno per motivazioni diverse e continuerà a generare difficoltà. La richiesta al personale è di comunicare entro le ore 10 di due giorni precedenti al servizio l’eventuale indisponibilità, così da poter intervenire distribuendo al meglio gli autisti a disposizione. L’azienda ringrazia il personale che, dotato di green pass, sta accettando turni di straordinario per garantire il massimo delle corse possibili. Ma, sottolinea, non è una situazione che potrà protrarsi a lungo, quindi la speranza è che sempre più lavoratori presentino il green pass nei prossimi giorni.

Il primo report sulle corse ha dato questo esito: Cesena su 117 turni, effettuati 106; Forlì su 99 turni, effettuati 83; Ravenna su 105 turni, 84 effettuati; Rimini su 219 turni, effettuati 182. Totale 540 turni, 455 effettuati. Nei tre bacini sono state effettuate la quasi totalità delle corse verso e dai poli scolastici, mentre alcune non effettuate hanno riguardato i cosiddetti ‘bis Covid’, ma la maggioranza è in fasce orarie di minore utilizzo.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi