Indietro
menu
"Agire subito"

Via Ducale. Rimini in Comune: scelte da rivedere al più presto

In foto: via Ducale
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 21 set 2021 13:23
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

I disagi del traffico su via Ducale a Rimini sono uno dei temi più dibattuti in campagna elettorale. Dopo Europa Verde, anche un’altra lista del centrosinistra a sostegno di Jamil Sadegholvaad prende le distanze dalle decisioni dell’amministrazione su quell’area. Si tratta di Rimini Coraggiosa che interviene con uno dei suoi promotori, Cesare Mangianti. “Uno dei punti conduttori della campagna elettorale di alcune liste del centrosinistra a sostegno del candidato Sindaco Jamil – anzi, il principale- è riproporsi in continuità – spiega – con le scelte della amministrazione comunale uscente. Ebbene io – che sono stato promotore di una lista di sinistra a sostegno del Sindaco Gnassi – affermo che non tutto deve essere considerato positivo e che sarà necessario segnare una discontinuità rispetto ad alcune scelte. Mi riferisco alla trasformazione di Via Ducale, una stretta via del centro storico- dentro le mura si affermava un tempo-, in una strada di grande ed ininterrotto traffico”. “Negli ultimissimi giorni – prosegue Mangianti – per tre volte autocarri incagliati ed incidenti stradali hanno bloccato un traffico degno di una strada di grande comunicazione. Il tutto con grave inquinamento e pericoli per i residenti.  È necessario agire radicalmente ed al più presto. La cosa da non farsi è riaprire al traffico veicolare il Ponte di Tiberio; scelta positiva ed opportuna la chiusura, semmai tardiva. È necessario ed urgente che la prossima Amministrazione comunale deliberi la localizzazione, progettazione e realizzazione di un ponte alternativo al Tiberio, riparando, seppur tardivamente, ad un precedente grave errore amministrativo.  Dove costruire il ponte? Una vecchia progettazione prevedeva la continuazione della Via Marzabotto con l’attraversamento della Via Marecchiese, anche se scelte amministrative non recenti rendono oggi più difficile la localizzazione del ponte“. “Contestualmente ed immediatamente – aggiunge – è necessario ripristinare la viabilità- escludendo la scelta di Via Ducale- come nel recente passato ovvero con direzione monte- mare, valutando anche l’utilizzazione dei bastioni oltre che della vecchia circonvallazione.  Via Ducale i sacrifici li ha già fatti per il bene della comunità, ora spetta a noi ricambiare. Presto che è tardi!” conclude.

Notizie correlate