Indietro
martedì 26 ottobre 2021
menu
I voti dei biancorossi

Rimini-Prato 3-0, le pagelle di Nicola Strazzacapa

In foto: I giocatori del Rimini festeggiano sotto la Curva Est
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
dom 19 set 2021 18:43 ~ ultimo agg. 20 set 13:05
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email


MARIETTA 6. Novanta e più minuti da spettatore non pagante e al 93’ si inarca come un gatto sull’unica conclusione toscana nello specchio. Concentrato come deve essere un portiere anche nelle giornate comode. Pronto!

LO DUCA 6. Presidia bene le zolle di destra, resta sulle sue coprendo le spalle a Gabbianelli e Andreis e lasciando a Contessa la licenza di affondare. Attento in copertura, regala novanta minuti senza sbavature. Puntuale!

CARBONI 6.5. Non concede niente agli avanti ospiti e respinge quel poco che piove in area. Attento nell’anticipo e pronto nel gioco aereo. Buona la prima!

FANELLI 6.5. Insieme al compagno di reparto alza un muro quasi insormontabile e mette la testa nel tris di Tanasa. In attesa di test più probanti, nella prima ha fatto un figurone. Totem!

CONTESSA 6. Si propone ogni volta che ne ha la possibilità, nella prima frazione è in costante proiezione offensiva e al 10’ mette in mezzo il primo pallone pericoloso della gara. Meno puntuale in fase difensiva, a inizio ripresa concede un po’ troppo con un paio di ingenuità e dopo un’ora lascia claudicante. Luci e ombre!

ANDREIS 6.5. Fisicità e dinamismo, ha nelle sue corde l’inserimento e con una bella percussione sul centro destra crea subito un bel grattacapo alla difesa toscana. Presente anche in ripiegamento, si fa vedere e va spesso a occupare gli spazi lasciati liberi da Gabbianelli che si accentra. Sfiora più volte il raddoppio con una serie di infilate puntuali sia nel primo che nel secondo tempo. Moto perpetuo!

TANASA 7. Metodista vecchio stampo, si piazza davanti alla difesa e scherma tutto e tutti, restando in appoggio a compagni di reparto più propensi alla spinta. Si sacrifica per un giallo tattico e viene ripagato dall’incornatona del 3-0 che chiude definitivamente i giochi. Solidissimo!

TONELLI 6.5. Cerca la palla e se la scambia spesso e volentieri con Ferrara, in una catena di sinistra che pare funzionare subito a meraviglia. Serve una doppia palla d’oro per il raddoppio a Tomassini, che arriva tardi all’appuntamento sulla prima e viene murato nella seconda. Qualità e quantità!

GABBIANELLI 6.5. Parte sulla destra del tridente, ma a destra c’è giusto in fase di ripiegamento. Si accentra spesso e volentieri, più volte fino all’altra fascia, per trovare spazi e regalare giocate di qualità (un doppio uno-due con Ferrara nel cuore dell’area è da stropicciarsi gli occhi). Più di un pallone interessante con filtranti centrali o cambi di gioco e la bella capacità di saltare l’uomo quasi a piacimento creando superiorità. Regala una perla con una punizione a sorpresa che mette Ferrara a tu per tu con Reggiani. Fantasista doc!

TOMASSINI 7.5. Battaglia su tutti i palloni, si muove molto per fare da sponda e cerca il dialogo con ogni compagno. Timbra il primo gol ufficiale della stagione biancorossa con un rigore perfetto: portiere a destra e sfera dall’altra parte. Poi arriva un secondo in ritardo sul cross basso di Tonelli a inizio ripresa e viene murato incredibilmente nell’incornata a colpo sicuro subito dopo. È invece prontissimo sul cross in corsa di Haveri e si presenta al suo nuovo pubblico con una doppietta all’esordio. Bomber!

FERRARA 7. Apre la gara con un bello spunto sull’out sinistro, poi si accentra un paio di volte ed è il primo a sporcare i guanti a Reggiani con due conclusioni di destro. All’ennesima accelerata, a metà tempo costringe l’ex Lugnan al fallo da rigore, poi continua a fare male alla difesa toscana, ma si divora un babà servitogli da Gabbianalli sparando sul portiere in uscita. Peccato. Avrebbe meritato la soddisfazione personale. Spina nel fianco!

17’ st HAVERI 6.5. Entra e inizia a galoppare a tutta fascia. Sul secondo pallone toccato taglia in due la retroguardia pratese e mette il pallone sui piedi di Tomassini a porta vuota. Granatiere!

28’ st PECCI 6. Venti minuti di ordinaria amministrazione con un ottimo spunto sul gong.

28’ st MENCAGLI 6. Mette il suo mattoncino con volontà penalizzato da un 3-0 che porta i compagni alla conservazione.

35’ st GRESELIN sv.

44’ st ISAIA sv.

GABURRO 7. Dieci minuti di studio, poi la squadra si mette in moto disputando una gara di bella personalità. Forse “pende” un po’ troppo a sinistra, ma si vedono già belle trame e movimenti ben oliati a tavolino. Questo Prato non è parso un’iradiddio, ma la prima sfida ufficiale è sempre la più complicata e 95 minuti di costante controllo del gioco senza concedere occasioni e mostrando un bel mix di fisicità, tecnica ed esperienza in certe “malizie” sono un bel biglietto da visita. Avanti tutta.

Nicola Strazzacapa

Notizie correlate
di Icaro Sport