Indietro
menu
Il Trecento riminese

'L'oro di Giovanni'. Le prime immagini della mostra a palazzo Buonadrata

In foto: La Croce di Mercatello
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 16 set 2021 19:21 ~ ultimo agg. 17 set 13:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ stata aperto oggi alla stampa l’allestimento della mostra “L’oro di Giovanni. Il restauro della croce di Mercatello e il trecento riminese” promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini e Soroptimist Rimini e organizzata dall’Istituto Superiore di Scienze Religiose Marvelli. La mostra, a ingresso libero con green pass, sarà inaugurata sabato alle 11 a palazzo Buonadrata in corso d’Augusto e sarà visitabile fino al 7 novembre, con possibilità di visite guidate su prenotazione.

E’ la croce di Mercatello, dipinta da Giovanni da Rimini nel 1309, unica opera datata e firmata dal Maestro, protagonista della gloriosa ‘Scuola riminese del Trecento’, l’opera principale della mostra “L’oro di Giovanni”. La croce, appena restaurata, torna di nuovo a Rimini dopo oltre 85 anni. A completare la mostra, la croce dipinta della chiesa di San Lorenzo a Talamello e il più piccolo crocifisso “Diotallevi”, la croce sagomata dell’Antiquario Moretti di Firenze, il crocifisso Spina del maestro di Montefiore e la testa di Giuliano da Rimini.

L’intervista al curatore Alessandro Giovanardi:

(dalla presentazione della mostra su artecultura-fondacarim.it)

L’allestimento espositivo e didattico, che si svilupperà nello storico Palazzo Buonadrata-Diotallevi, sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini, intende porre a serrato confronto le splendide croci di Giovanni presenti sul territorio italiano.

Sarà un’esposizione sobria e raffinata – supportata da suggestive proiezioni di materiali visivi – che permetterà anche una visione accurata del linguaggio artistico di Giovanni sul tema poetico e sacro della crocifissione, e completata dal patrimonio di opere della Fondazione ospitate al Museo della Città Luigi Tonini, oltre ad un importante prestito estero.

Al centro dell’esposizione, il Crocifisso di Mercatello, la maestosa e antica croce dipinta da Giovanni nel 1309 – 1314 (datazione poco decifrabile) che proviene dalla chiesa di San Francesco a Mercatello sul Metauro.

Si tratta dell’unica opera datata e firmata dal maestro protagonista della gloriosa Scuola Riminese del Trecento, reduce dal restauro che l’ha riguardata in questi mesi, e quindi visibile a distanza ravvicinata nel suo massimo splendore.

Il necessario spostamento dell’opera dalla sede originale rende possibile quindi un suo temporaneo ritorno nella città natale del pittore, dove non era più stata esposta dal 1935, anno della prima grande mostra sul Trecento riminese curata da Cesare Brandi. Accanto alla croce di Giovanni da Rimini saranno presenti altre opere del Maestro.

L’esposizione sarà una preziosa occasione per dare uno sguardo ravvicinato alla produzione riminese del Trecento, tesa tra le innovazioni narrative e “umanistiche” di Giotto (presente a Rimini dalla fine del XIII secolo) e le finezze formali e simboliche della cultura bizantina.

«Dal punto di vista linguistico e filosofico, simbolico e teologico – dice a proposito Giovanardi – Giovanni e gli altri pittori riminesi sono anche figli della pittura bizantina del XIII e XIV secolo e appartengono al comune lessico di immagini e simboli che si parla tra le due sponde dell’Adriatico, tra Rimini, Venezia, i Balcani e Costantinopoli».

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO