Indietro
menu
calci e spinte ai carabinieri

In garage nascondeva la droga "Covid 19", spacciatore incastrato a Bellaria

In foto: la droga Covid 19 sequestrata
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 24 ago 2021 19:52 ~ ultimo agg. 25 ago 10:19
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Lo stavano pedinando da tempo i carabinieri della Stazione di Bellaria Igea Marina, guidati dal comandante Roberto Cabras, e al termine di un mirato servizio di pedinamento sono riusciti ad arrestarlo e a sequestrare un importante quantitativo di droga, oltre 700 grammi tra marijuana e hashish. La particolarità sta nell’etichettatura apposta sopra alcuni panetti, raffigurante il volto di un asiatico accompagnato dalla scritta “Covid 19”. Nessuna connessione però tra lo stupefacente e il virus, semplicemente un modo utilizzato per distinguere le varie partite di droga.

Il pusher fermato è un 45enne marocchino, noto alle forze dell’ordine per la sua attività di spaccio concentrata soprattutto in zona mare a Bellaria. Quando i militari dell’Arma sono intervenuti all’interno del residence dove alloggia, si stava dirigendo nel garage. E’ lì che il nordafricano nascondeva quattro panetti contenenti complessivamente 270 grammi di marijuana e un involucro con 450 grammi di hashish. Il 45enne, sorpreso alla vista degli agenti, li ha aggrediti con calci e spintoni per guadagnarsi la fuga, ma al termine di una colluttazione piuttosto energica si è dovuto arrendere. Addosso aveva anche un grammo di cocaina.

Dichiarato in arresto per detenzione ai fini di spaccio, questa mattina è comparso in tribunale a Rimini. Il giudice ha convalidato l’arresto ed gli ha concesso i domiciliari in attesa dell’inizio del processo.

Notizie correlate