Indietro
menu
Fino a tutto il 2022

A Bellaria un terreno di 7.100 mq affidato ad attività scout

In foto: i firmatari della convenzione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 9 ago 2021 13:18 ~ ultimo agg. 13:20
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
L’Amministrazione Comunale di Bellaria Igea Marina ha concesso in comodato gratuito un ampio terreno di via Agedabia, oggi in stato di abbandono, all’Associazione S.E.A. Scout Educatori Altoadriatico. L’accordo che è frutto di un lavoro durato mesi per valorizzare il volontariato e la crescita dei giovani, avviato da una prima interlocuzione con il compianto Ammiraglio Aleardo Cingolani.
Oltre 7.100 metri quadri saranno affidati ad attività temporanea: in attesa di affidamento e riqualificazione complessiva della zona attualmente sotto gestione del curatore fallimentare. Fino al 31 dicembre 2022, l’Associazione la utilizzerà, nel rispetto del progetto presentato all’Ente comunale, come campo scout dedicato ai ragazzi; attività che prevedono formazione e uscite, il tutto con una forte vocazione all’avviamento alla nautica in ragione della vicinanza della spiaggia libera di Bellaria Igea Marina.
Con questa finalità, la convenzione stipulata da Associazione e Comune prevede anche che l’area venga attrezzata con bagni e docce, nonché punti per l’energia elettrica e acqua potabile. Oltre a questo, l’installazione del necessario supporto logistico, in particolare una flotta di piccoli scafi quali canoe, kayak mono e biposto, lance a remi e diverse imbarcazioni a vela.
Le attività sono già cominciate: proprio oggi si chiude un campeggio che coinvolge venti ragazzi del Gruppo AGESCI Novafeltria 1. La prospettiva è di non circoscriverle al solo periodo estivo nell’ottica di una riqualificazione dell’area a tutti gli affetti.
Come indicato nell’apposita delibera approvata dalla Giunta, in una zona periferica e potenzialmente soggetta a fenomeni di abbandono o degrado, “trova così compimento il principio di sussidiarietà nella sua dimensione orizzontale, con il riconoscimento dell’interesse pubblico che le attività condotte dai soggetti del terzo settore portano con sé: sotto il profilo sociale, culturale, ricreativo, sportivo e solidaristico.”
Notizie correlate
Nessuna notizia correlata.