Indietro
menu
a rivazzurra

Spacciava cocaina, marijuana e hashish: arrestato al rientro in hotel

In foto: la droga e i soldi sequestrati
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 30 lug 2021 20:12 ~ ultimo agg. 31 lug 12:47
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nella camera dell’hotel dove alloggiava aveva nascosto cocaina, marijuana e hashish, oltre a 570 euro in contanti ritenuti provento di spaccio. A finire in manette un 41enne della provincia di Foggia che da qualche settimana aveva scelto la Riviera, e in particolare Rimini, come piazza di spaccio.

L’attività della Squadra di polizia giudiziaria è partita da una fonte confidenziale ritenuta attendibile, che aveva raccontato agli agenti della presenza a Rivazzurra di un uomo “ben fornito”. Il presunto pusher era finito nel mirino degli investigatori da giorni: mirati appostamenti avevano documentato svariati incontri, tutti rapidi, con alcuni tossicodipendenti della zona. Così, giovedì sera, intorno alle 23.30, la polizia giudiziaria è entrata con il supporto dell’Unità cinofila della polizia Locale in un hotel in viale Messina, a Rivazzurra, dove il pugliese alloggiava.

Una volta rientrato in albergo, l’uomo si è diretto in camera. Poco minuti dopo, col benestare del pm di turno, hanno fatto irruzione nella stanza tre agenti, che hanno bloccato il 41enne e iniziato un’accurata perquisizione. Nel suo beauty case sono state rinvenute e sequestrate 10 confezioni di marijuana per un totale di 44 grammi, mentre nel cassetto della scrivania una dose di cocaina, un pezzetto di hashish e tutto il materiale per il confezionamento. Non solo perché dentro un bicchiere c’erano altri 15 grammi di cocaina e all’interno delle scarpe 570 euro in contanti. Poco prima gli agenti avevano fermato un acquirente al quale il pugliese aveva appena ceduto 21 grammi di hashish.

Lo spacciatore, con alle spalle precedenti, è stato dichiarato in arresto per detenzione ai fini di spaccio e questa mattina è comparso in tribunale. Il giudice ha convalidato l’arresto e disposto la misura cautelare degli arresti in carcere per mancanza di un luogo idoneo dove il 41enne potesse scontare i domiciliari in attesa della prossima udienza che si terrà a giorni.