Indietro
menu
Presidio a Bologna

Silb: discoteche chiuse ma si balla abusivamente. Consegnati video

In foto: il presidio Silb davanti alla sede Rai di Bologna
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 6 lug 2021 17:14 ~ ultimo agg. 17:15
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Mentre le discoteche restano ancora chiuse, si balla abusivamente e senza controllo quasi ovunque. A provarlo sono foto e video che il Silb, sindacato dei locali da ballo, ha consegnato questa mattina alla sede Rai di Bologna dove è andato in scena un presidio con tutti i presidenti provinciali del sindacato emiliano romagnolo. “Ci siamo ritrovati per questa ennesima protesta – spiega Gianni Indino, presidente del SILB-Fipe dell’Emilia Romagna con l’obiettivo di consegnare ai giornalisti della tv di Stato il materiale raccolto nelle ultime settimane. Video e foto che confermano come, mentre i nostri locali da ballo sono ancora costretti a rimanere chiusi, si stia ballando dappertutto, abusivamente e senza controllo. Una situazione che ha abbondantemente oltrepassato il limite della nostra pazienza, ma anche quello della logica. Con questo presidio abbiamo voluto accendere un faro su quello che sta succedendo, ma che le istituzioni sembrano non capire o non volere vedere. Le nostre imprese sono in ginocchio con fatturati crollati a zero, i nostri dipendenti e collaboratori sono senza lavoro, ma ogni notte vediamo che intorno a noi ci sono feste abusive, ristoranti e bar che si improvvisano discoteche, giovani che vagano senza meta per le strade, assembramenti e balli in piazza e in spiaggia senza soluzione di continuità. Quella che stanno vivendo i gestori di discoteche e locali da ballo, ma anche tutti i professionisti che lavorano insieme a noi, dalle orchestre ai dj, dai ballerini agli addetti alla security fino ai tecnici, è un’agonia che dura ormai da 17 mesi mentre davanti ci troviamo uno Stato cieco e sordo ad ogni nostra richiesta di apertura, ad ogni soluzione prospettata.
I nostri locali sanno gestire i grandi flussi di persone, siamo pronti a rispettare protocolli e linee guida, cosa dobbiamo aspettare ancora? Senza una data per la riapertura non ci è stato consentito di programmare, di ricercare il personale, di organizzare il lavoro e l’estate sta correndo via veloce. Quello che vogliamo, che non possiamo più aspettare, è poter ritornare a lavorare. Auspichiamo che questo nuovo appello possa sensibilizzare una volta per tutte il governo, l’unico in grado di prendere la decisione di farci riaprire. Speriamo che arrivi il via libera dal Consiglio dei Ministri già domani (mercoledì 7 luglio, ndr). In Italia siamo gli unici imprenditori ancora costretti a rimanere chiusi e anche in Europa i governi hanno deciso la riapertura per i locali da ballo. E noi quando? Ci sentiamo discriminati da questa scelta che preclude due principi costituzionali come il diritto al lavoro e alla libera impresa”.