Indietro
menu
Santarcangelo

Gestione nidi, comune cerca gestori per il triennio. Aumentano domande iscrizione

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 10 lug 2021 15:30
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

È stata pubblicata dal comune di Santarcangelo la procedura aperta per la gestione dei nidi d’infanzia comunali nel triennio 2021/2024, eventualmente rinnovabile per ulteriori due anni. Ammonta a 1.909.398 euro la base di gara prevista dal disciplinare – disponibile sul sito www.comune.santarcangelo.rn.it. La scadenza per la presentazione delle offerte è fissata alle ore 13 del 26 luglio 2021.
Il servizio comprende la gestione educativa di tutte le sezioni del nido “Rosaspina”, nonché il prolungamento orario pomeridiano, il servizio estivo e lo “Spazio bimbi”; la gestione di una sezione del nido “La Mongolfiera”; il servizio di sostegno educativo assistenziale nel caso di presenza di bambini disabili; la gestione dei servizi generali – pulizie ordinarie e straordinarie, lavanderia, riordino ambienti, collaborazione personale educativo, eccetera – di entrambe le strutture.
La procedura è basata sul criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, riconoscendo una preminenza rilevante nell’assegnazione del punteggio alla qualità tecnica della proposta educativa, a cui saranno attribuiti fino a 70 punti – di cui 40 al progetto pedagogico-gestionale – su un massimo di 100 attribuibili a ciascuna offerta.
Tra i requisiti, oltre alla solidità economico-finanziaria, è compresa anche una consolidata capacità tecnico-professionale nel settore di riferimento. La scelta dell’Amministrazione comunale di affidare all’esterno un servizio così delicato, deriva dalla volontà di individuare operatori specializzati e altamente qualificati.
Nel frattempo, sono numerose le richieste d’iscrizione al nido d’infanzia per l’anno 2021/2022, con un incremento inedito rispetto alle annualità precedenti. A fronte delle 104 richieste pervenute, 53 sono già state accolte, mentre la lista d’attesa conta 31 famiglie di Santarcangelo e 20 residenti altrove. La situazione delle famiglie che si trovano in lista d’attesa sarà esaminata a conclusione della procedura di affidamento del servizio, tenendo conto anche del riassorbimento fisiologico che si verifica in corso d’anno sulla base di varie dinamiche. Nel 2020/2021, ad esempio, la lista d’attesa di 17 famiglie santarcangiolesi si era completamente riassorbita in corso d’anno.
La richiesta di ampliare il servizio, avanzata da alcune famiglie, sarà presa in esame dall’Amministrazione comunale tenendo in considerazione le esigenze dei proponenti, nella consapevolezza delle difficoltà di ampliare un servizio particolarmente delicato e oneroso come il nido d’infanzia.

Notizie correlate
di Redazione