Indietro
menu
è la persona giusta

Europa Verde rilancia Affronte candidato: stiamo fuori da diatribe

In foto: Marco Affronte
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 16 giu 2021 16:15
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Vogliono stare fuori dalle diatribe nate nel centro sinistra “che riguardano – sostengono – nomi e poltrone” e rilanciano con forza la candidatura a sindaco dell’ex europarlamentare Marco Affronte. E’ la posizione ribadita dal gruppo riminese Europa Verde.
A Rimini partecipiamo con costanza ed entusiasmo al tavolo di coalizione di centro sinistra. Noi siamo ecologisti e crediamo nell’unione armonica di tutti gli esseri viventi. Siamo favorevoli a chiunque ci garantisca la realizzazione dei nostri obiettivi che non sono più rimandabili o procrastinabili. Per questo non prendiamo parte alle diatribe interne degli altri partiti che riguardano nomi e poltrone, ma abbiamo proposto come nostro candidato sindaco Marco Affronte, che è il cittadino di Rimini che meglio ci rappresenta da più punti di vista: un’importante esperienza politica europea, grandi e importanti competenze sui nostri temi e la giusta caparbietà attraverso la quale portare avanti la lotta per realizzare i nostri obiettivi, tutti giusti ed inopinabili”.
Il gruppo torna poi su alcuni temi: “La stagione turistica a Rimini è iniziata e non l’ha fatto nel migliore dei modi: troppo poche le presenze registrate. Abbiamo riposto le nostre speranze nella ripartenza post-pandemica, senza però considerare che non si può e non si deve semplicemente tornare al prima, perché proprio quel modello di sviluppo pre-Covid19 è stato la causa dei mali, ambientali e sociali, dai quali è necessario uscire. Il nostro è un modello di sviluppo che non è più sostenibile, è necessario cambiare paradigma perché la pandemia è strettamente collegata ai nostri comportamenti verso gli ecosistemi naturali, con effetti sconvolgenti sulla vita di tutte e di tutti noi. Dobbiamo affrontare i problemi esistenti con una rinnovata responsabilità, perché troppo spesso abbiamo sottovalutato quello che era chiaro sotto i nostri occhi”.