Indietro
menu
Parla con Lei

"Uomini che pagano le donne" Giorgia Serughetti in dialogo con Thomas Casadei

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
mar 25 mag 2021 07:38 ~ ultimo agg. 16:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si conclude venerdì 28 maggio alle ore 18, il ciclo di incontri “Parla con lei. Sapienza contro violenza”, in diretta sulla pagina Facebook del Coordinamento Donne Rimini.

Giorgia Serughetti, in dialogo con Thomas Casadei, presenta “Uomini che pagano le donne. Dalla strada al web, i clienti nel mercato del sesso contemporaneo”, Ediesse, 2019, seconda edizione. Introduce Ilaria Raimondi.

Anche quest’anno il Coordinamento Donne Rimini onlus organizza la rassegna “Parla con lei. Sapienza contro violenza” che, giunta alla settima edizione, è divenuta nel tempo un’importante occasione di riflessione su temi fondamentali per una convivenza rispettosa dei diritti delle persone.

Tradizionalmente ospitati nella sede di palazzo Gambalunga, quest’anno invece gli incontri si tengono online, collegandosi alla piattaforma Zoom, attraverso la pagina Facebook del Coordinamento Donne Rimini e di Rompi il Silenzio, partner del progetto, e con la preziosa collaborazione della Biblioteca Gambalunga e dell’associazione Dire Uomo.

A partire da un libro, scelto fra quelli che hanno di più incuriosito, interessato, insegnato, stimolato nel corso di questi mesi, dialogando con autrici e autori, si approfondiranno alcune delle tematiche più urgenti che toccano l’universo femminile, e di necessaria conseguenza quello maschile, con attenzione particolare alla crescente violenza contro le donne.

Dopo gli incontri con Vera Gheno e Lorenzo Gasparrini (“Il femminismo è nelle parole”) e con Giuliana Sgrena e Oriana Maroni (“Manifesto per la verità”) la rassegna si conclude venerdì 28 maggio (diretta Facebook alle ore 18) con Giorgia Serughetti, ricercatrice in Filosofia politica presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale dell’Università di Milano-Bicocca, e Thomas Casadei, docente di Filosofia del diritto e di Teoria e prassi dei diritti umani. In dialogo con Ilaria Raimondi parleranno di “Uomini che pagano le donne. Dalla strada al web, i clienti nel mercato del sesso contemporaneo” (Ediesse, 2019).

Analizzando e criticando gli approcci che fanno del sesso a pagamento una patologia di pochi, si aprirà uno sguardo ampio sulla cultura contemporanea, che dal mondo del lavoro alla pubblicità produce la commercializzazione della vita intima e della sessualità.

 “Parla con lei. Sapienza contro violenza” è un progetto a cura del Coordinamento Donne Rimini in collaborazione con l’associazione Rompi il Silenzio. È sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna attraverso il bando “Contributi a sostegno di progetti rivolti alla promozione e conseguimento delle pari opportunità e al contrasto delle discriminazioni e della violenza di genere per l’anno 2020” ed è realizzato con il supporto tecnico dell’associazione DireUomo e la collaborazione della Biblioteca civica Gambalunga.

 Venerdì 28 maggio 2021 • ore 18

Giorgia Serughetti, in dialogo con Thomas Casadei

presenta Uomini che pagano le donne, Ediesse, 2019

Introduce Ilaria Raimondi

 

GIORGIA SERUGHETTI

Giorgia Serughetti, ricercatrice in Filosofia politica presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università di Milano-Bicocca. Si occupa di genere e teoria politica. Ha pubblicato, oltre ad articoli e contributi in volumi collettivi, i libri: Democratizzare la cura / Curare la democrazia (ebook Nottetempo, 2020); Libere tutte. Dall’aborto al velo, donne del nuovo millennio (con C. D’Elia, minimumfax, 2017); Uomini che pagano le donne: Dalla strada al web, i clienti nel mercato del sesso contemporaneo (Ediesse, I ed. 2013, II ed. 2019); Chiedo Asilo: essere rifugiato in Italia (con M. Calloni e S. Marras, Egea, 2012). Collabora con il quotidiano “Domani”.

 

THOMAS CASADEI

Thomas Casadei è professore associato di Filosofia del Diritto all’Università di Modena e Reggio Emilia.

È titolare dei corsi di Filosofia del diritto (M-Z) e di Teoria e Prassi dei Diritti Umani e dal novembre 2019 portavoce del Rettore e delegato alla comunicazione dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

Tra i fondatori del CRID ‒ Centro di Ricerca Interdipartimentale su Discriminazioni e vulnerabilità (www.crid.unimore.it), insieme al prof. Gianfrancesco Zanetti, dirige le collane “Diritto e vulnerabilità” (Giappichelli) e “Prassi sociale e teoria giuridica” (Mucchi), e insieme al prof. Stefano Pietropaoli la collana “Complex” (Wolters Kluwer – Cedam).

Si è occupato di teorie democratiche, di cittadinanza sociale e di diritti umani.

Ha inoltre dedicato ricerche e pubblicazioni al femminismo giuridico, alle questioni di genere e alle forme contemporanee di tratta e schiavitù.

 

Uomini che pagano le donne, Ediesse, 2019

Perché gli uomini pagano per il sesso? Il mercato del sesso del nuovo millennio rivela l’esistenza di una domanda crescente, formata da numeri impressionanti di uomini in tutti i paesi occidentali. Colpire questa domanda per contrastare la proliferazione dei mercati sessuali è oggi, dopo secoli di silenzio e di rimozione della responsabilità dei clienti, l’idea guida dell’intervento pubblico anti-prostituzione.

Ma gli scandali sessuali che travolgono uomini di potere, come Silvio Berlusconi e Dominique Strauss-Kahn, mostrano che le pratiche maschili di scambio sesso-denaro arrivano a insinuarsi anche nelle stanze della politica. Questo libro è un percorso di esplorazione nel territorio pieno di ombre e di silenzi degli uomini che pagano le donne, fino ad oggi in Italia poco studiati e meno ancora compresi. Analizzando e criticando gli approcci che fanno del sesso a pagamento una patologia di pochi, offre invece uno sguardo ampio sulla cultura contemporanea, che dal mondo del lavoro alla pubblicità produce la commercializzazione della vita intima e della sessualità.

E in questa cultura cerca le radici di potere e impotenza maschile, desiderio e repulsione verso la prostituzione, apertura di spazi virtuali e vessazione delle sex worker migranti. Il cliente emerge così come la figura maschile che interpreta nei suoi esiti più radicali e contraddittori l’ingiunzione contemporanea al consumo sessuale.

Prefazione di Maria Rosa Cutrufelli. Postfazione alla seconda edizione di Tamar Pitch.

Info: https://www.facebook.com/Coordinamento.Donne.Rimini

Notizie correlate
Nessuna notiza correlata.