Indietro
menu
Il dialogo prosegue

Saltata la fusione tra Fiere? Da Rimini arriva una secca smentita

In foto: la fiera di Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 28 mag 2021 18:04
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Fusione tra Fiere saltata, dopo sei mesi di trattative, perché Rimini gioca troppo al rialzo sulla Governance? Dai soci pubblici riminesi arriva una smentita a tutto tondo alla notizia riportata oggi dall’Agenzia Dire e ripresa da molti media. A firmare la nota congiunta sono Comune di Rimini, Provincia di Rimini e Camera di Commercio della Romagna. “Le istituzioni – si legge -, soprattutto davanti a operazioni o progetti strategici e complessi, ragionano e comunicano per atti ufficiali. E non per disinformate e anonime veline ad agenzie di stampa che ripropongono il vecchio e stucchevole armamentario di pregiudizi localistici. Uno scenario fuori luogo e fuori dal tempo che può ingolosire solo quell’area di opinione stanca e paurosa, contraria al progetto di integrazione delle due fiere emiliano-romagnole per questioni non coincidenti con l’interesse dei territori. IEG è senza dubbio il partner più solido come dimostrano i documenti e i di bilanci già da tempo resi pubblici. La ricostruzione falsa dell’andamento delle discussioni, comunicata per via anonima, è una via non certo originale per distrarre l’attenzione dal merito della complessità dell’operazione. Proprio su questa complessità si è incentrata e resa evidente la serietà della discussione e su questa serietà sarebbe utile, anche al fine di ragionare su prospettive industriali e non altro, un pronunciamento ufficiale e pubblico degli azionisti pubblici di Bologna fiere e della Regione Emilia Romagna, insieme agli azionisti pubblici di IEG e anche al management delle società”.