Indietro
menu
"vaccinare frontalieri"

I sindaci di Coriano e San Leo: stop al coprifuoco

In foto: i sindaci Bindi e Spinelli
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 16 mag 2021 11:02
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo le parole pronunciate a Rimini dal sottosegretario Sileri, che ha aperto all’ipotesi del vaccino sputnik per i frontalieri, intervengono i sindaci di San Leo e Coriano che da tempo ne chiedono l’utilizzo. “Apprendiamo con soddisfazione – scrivono Leonardo Bindi e Domenica Spinellila notizia dell’apertura del sottosegretario Sileri allo Sputnik ai frontalieri e all’imminente fine del coprifuoco, la cui efficacia non pare essere ancora stata dimostrata. Confidiamo che alle parole seguano presto i fatti  visto che la Repubblica di San Marino è ormai Covid free e che questo – come era facile intuire – consentirebbe di accelerare la campagna vaccinale,  condizione fondamentale per un territorio come il nostro che vive di turismo. E’ passato oltre un mese da quando abbiamo chiesto lo Sputnik, è bene comprendere che in politica  il decisionismo e la tempestività fanno la differenza“.

I sindaci intervengono anche sull’imminente discussione nel Governo relativa al coprifuoco di cui auspicano una cessazione imminentee che non si debba mai più ripetere in futuro.” scrivono. Tornando ai vaccini, Spinelli e Bindi chiedono “che i frontalieri nei prossimi giorni possano essere vaccinati.  Se i vaccini scarseggiano, e questo è un fatto,  la politica che impedisce l’uso dello Sputnik è come il padre di famiglia che non ha di che sfamare i propri figli, ma rifiuta l’aiuto di amici e parenti“.