Indietro
menu
Dipendente comunale dal '76

Vincenzo Mirra. Il saluto al comune dopo 40 anni e il monologo di Blade Runner

In foto: Vincenzo Mirra
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 6 apr 2021 14:52 ~ ultimo agg. 16:59
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo 40 anni di lavoro in comune a Rimini, per Vincenzo Mirra (anche assessore provinciale per un mandato) è arrivato il momento della pensione. Prima dell’addio a quello che è stato il suo posto di lavoro dal primo giugno 1976, Mirra ha scritto però una lettera al sindaco Andrea Gnassi. “Un messaggio di ringraziamento sincero e affettuoso – scrive su facebook il primo cittadino –, con qualche sfumatura divertente“. Mirra infatti nella lettera spiega che “Quando ancora l’informatica si basava sui mainframe, non riuscivo a spiegare a nessuno il nostro lavoro di informatici e mi tornava sempre in mente il monologo finale del film Blade Runner ‘Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi…”.
L’addio vero e proprio all’Ente sarà comunque leggermente posticipato visto che Mirra ha deciso di continuare ancora per un po’ a titolo gratuito, per assicurare un adeguato passaggio di consegne. “Voglio ringraziare Vincenzo per il suo lavoro speso qui in tanti anni e voglio ringraziare tutti i dipendenti del nostro Comune che dimostrano ogni giorno passione e attaccamento verso la cosa pubblica e verso la comunità riminese” scrive Gnassi.

Signor Sindaco – è la risposta di Mirra – grazie di cuore per la Sua stima ed amicizia. Io e Lei abbiamo una cosa in comune “Siamo capaci di sognare un futuro migliore!” Un caloroso abbraccio, anche se virtuale, a tutti gli amici ed amiche che mi hanno espresso la loro simpatia ed affetto. Vincenzo