Indietro
menu
Fermata dopo inseguimento

Toglie le placche in camerino ma ne lascia una. Arrestata per furto alla Coin

In foto: l'ingresso della Coin
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 22 apr 2021 14:38 ~ ultimo agg. 14:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il suo piano di taccheggio è saltato per una placca di cui non si era accorta. Mercoledì mattina, intorno alle 11.15, agenti della Polizia di Stato di Rimini sono intervenuti alla Coin di Corso d’Augusto, allertati dalla direttrice dopo che una donna aveva oltrepassato le casse facendo scattare l’allarme anti-taccheggio fuggendo in via Serpieri.

La direttrice del negozio, in costante contatto telefonico con la centrale operativa, non ha mai perso di vista la donna che è stata bloccata dagli agenti prima che riuscisse a far perdere le proprie tracce. Accompagnata nel negozio, la 43enne cittadina albanese ha svuotato il contenuto della borsa che aveva con sé. Dentro c’erano un giacchetto in pelle nero, due polo, una maglia, una camicia, un paio di pantaloni per un valore complessivo di oltre 650 euro.

La donna, con la scusa di provare i capi, una volta all’interno dei camerini del negozio asportava le placche anti-taccheggio presenti sui capi sottratti. Ma ne ha lasciata una all’interno di un capo, facendo scattare l’allarme. La dinamica dell’evento è stata confermata dalle telecamere di sorveglianza collocate all’interno del negozio, visionate dagli agenti.

La 43enne è stata arrestata per furto aggravato in quanto oltre ad aver sottratto beni di considerevole valore, ha forzato gli oggetti di cui voleva impossessarsi.