Indietro
martedì 15 giugno 2021
menu
Campionato Sammarinese

San Giovanni. Lorenzo Lunedei presenta la sfida al Faetano

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 17 apr 2021 14:37 ~ ultimo agg. 14:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ultimi novanta minuti di campionato per il San Giovanni, che domani, domenica 18 aprile, affronterà il Faetano con fischio d’inizio alle 15 prima del turno di riposo nella 14esima giornata che chiuderà la regolar season. Dopo le belle prove con le prime della classe, la squadra di mister Paolo Baffoni è chiamata a una conferma contro un avversario che si gioca le ultimissime chance di raggiungere i playoff con la consapevolezza di non poter sbagliare: i tre punti varrebbero infatti l’accesso matematico nelle prime otto piazze, visto che il confronto diretto con il Fiorentino, unico degli inseguitori che potrebbe toccare quota 2, chiuso 4-1 per capitan Ugolini e compagni.

Un vantaggio non indifferente nel primo turno della post season, quello di poter contare su due risultati su tre in virtù della classifica migliore. Ne è conscio Lorenzo Lunadei, centrocampista classe 1997 in forza alla Nazionale Sammarinese “tornato a casa” a gennaio dall’esperienza in Eccellenza con la Fya Riccione ferma ai box per lo stop dei tornei in Italia e fra gli artefici della bella stagione del club del presidente Massimiliano Venturi.

Lorenzo, partiamo dalla gara di domani: saranno 90 minuti decisivi per blindare un piazzamento molto importante in ottica playoff. Che gara si aspetta e come va affrontata?
“È una partita da giocarci con il piglio delle ultime uscite, senza guardare la classifica e farci ingannare dalla posizione dei nostri avversari: il Faetano ha infatti qualità, ha messo in difficoltà tutti e quindi dobbiamo avere l’atteggiamento giusto e affrontarli come se giocassimo con La Fiorita”.

Il San Giovanni non si qualificava per la seconda fase da sette anni, come vivete questo momento?
“Siamo orgogliosi di aver riportato la società ai playoff, dove non vogliamo certo fare la comparsa anche se ci sono squadre più attrezzate e per quest’anno magari più forti. Abbiamo dimostrato che possiamo giocarcela con tutti e ci vogliamo provare fino alla fine, senza porci limiti”.

È soddisfatto di essere tornato a disputare il Campionato Sammarinese e come si sta trovando nella squadra più giovane del torneo?
“Questa non è una novità per me, perché anche la Fya lo era in Eccellenza. Qui ho trovato giocatori di livello e pronti, con esperienze ottime in Italia e la qualità è davvero alta: sono quindi contento di questa scelta, sia per il gruppo in cui mi sono inserito subito al meglio che proprio per il livello riscontrato”.

Quali obiettivi si pone per il futuro?
“Sicuramente in questo momento non superano e anzi si sposano con quelli del San Giovanni: voglio e vogliamo arrivare più avanti possibile nei playoff, per quanto mi riguarda provando a segnare un po’ di più. Un gol l’ho fatto e voglio farne altri che portino vittorie alla squadra. Poi, ovviamente, continuare a giocare in Nazionale, ambiente fantastico in cui si lavora bene e si ha la possibilità di vivere esperienze altrimenti impossibili”.