Indietro
menu
l'aggressione nel cortile

Azzannata al braccio dal proprio cane, gravi lesioni per una 75enne

In foto: un pastore del caucaso (repertorio)
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 1 apr 2021 12:46 ~ ultimo agg. 17:28
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Mai avrebbe pensato di essere azzannata dal suo amato cane, invece ieri sera, per cause ancora da appurare, è stata aggredita all’improvviso. Sul momento il marito e i sanitari hanno addirittura temuto per la sua vita.

Una 75enne, residente a Ca’ Baldano di Maiolo, intorno alle 20.30, è uscita di casa e si è recata in cortile per dare da mangiare a polli e galline, come fa spesso. Solo che il suo pastore del caucaso, un cane da guardia di grossa taglia, per natura diffidente verso gli estranei ma straordinariamente dolce con i padroni e i membri della famiglia, l’ha attaccata in maniera inaspettata, azzannandola al braccio e trascinandola a terra. La donna ha urlato, l’ha chiamato per nome, gli ha ordinato di fermarsi ma il cane non ha lasciato la presa. Lei si è divincolata, ha cercato di liberarsi con tutte le sue forze e alla fine il pastore si è fermato.

Sotto choc e con una profonda lesione al braccio, la donna è corsa in casa. Il marito ha subito chiamato i soccorsi e all’arrivo del 118 i sanitari, dopo averle prestato le prime cure sul posto, hanno deciso di richiedere l’intervento dell’eliambulanza, atterrata allo stadio comunale di Novafeltria. Caricata in eliambulanza, la 75enne, che aveva perso molto sangue, è stata trasferita al Bufalini di Cesena in codice di massima gravità. Data la gravita delle lesioni si è temuto potesse perdere addirittura l’arto, invece i medici hanno scongiurato l’amputazione e la donna potrebbe lasciare l’ospedale già domani con una prognosi di 60 giorni.

Sul posto sono intervenute due pattuglie dei carabinieri di Novafeltria con il personale del servizio veterinario dell’Asl. Il pastore del caucaso, di 10 anni, è stato sedato e portato in canile per accertamenti. L’ipotesi avanzata dai veterinari è che l’animale possa non aver riconosciuto la padrona e averla scambiata per un estraneo, da qui la reazione aggressiva.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione