Indietro
menu
la consegna nel 2026

Nuova caserma dei carabinieri in viale Cortemaggiore a Riccione, c'è la firma

In foto: il colonnello La Mura, il sindaco Tosi e il direttore del Demanio Iannelli
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 30 mar 2021 17:13 ~ ultimo agg. 19:33
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La nuova caserma dei carabinieri di Riccione sorgerà su metà della superficie del parcheggio Volta (circa 5mila metri quadrati), in viale Cortemaggiore. E’ stato firmato questa mattina dal direttore regionale dell’Agenzia del Demanio, Massimiliano Iannelli e dalla dirigente del Settore servizi finanziari-risorse umane-sviluppo tecnologico del Comune di Riccione, Cinzia Farinelli, l’atto notarile con il quale si conferisce il diritto di superficie a titolo gratuito, per la durata di 99 anni, allo Stato italiano. L’opera sarà realizzata a cura e spese del Ministero dell’Interno, ma l’area rimarrà in piena disponibilità del Comune di Riccione fino a quando non inizieranno i lavori edili veri e propri, quindi non prima del dicembre 2023. Per vedere la caserma fatta e finita bisognerà attendere invece il gennaio del 2026.

Nel novembre del 2019, il Consiglio Comunale di Riccione aveva approvato l’atto di indirizzo per la costituzione di diritto di superficie su area comunale a favore dello Stato per costruire la futura sede dell’Arma, dopo che la Giunta aveva accolto la proposta da parte del Comando generale dell’Arma, di concerto con l’agenzia del Demanio, di procedere alla nuova edificazione, con un investimento di fondi pubblici. Decorso il tempo di 99 anni gli immobili facenti parte della nuova caserma torneranno in piena disponibilità del Comune di Riccione in quanto proprietario dell’area.

La nuova caserma consentirà di soddisfare le esigenze dell’Arma sul territorio e di liberare gli attuali spazi occupati in tre immobili in locazione passiva per cui viene pagato un canone complessivo di circa 200mila euro, che sarà così eliminato. La progettazione della struttura, che prevede la realizzazione di due edifici, uno destinato agli alloggi e l’altro alle funzioni operative, è improntata a criteri di sostenibilità ed efficienza e sarà sviluppata attraverso l’applicazione della metodologia BIM in tutte le fasi progettuali. I fabbricati saranno conformi alle normative vigenti in materia energetica, impiantistica e di sostenibilità ambientale con soluzioni all’avanguardia sia sul fronte logistico che tecnologico. Saranno all’avanguardia anche dal punto di vista sismico. Nei prossimi mesi l’Agenzia del Demanio si occuperà di mettere in campo tutte le procedure di progettazione e realizzazione per l’avvio dei lavori e il successivo collaudo dell’opera.

“E’ con estrema soddisfazione che l’amministrazione accoglie la firma di questo accordo epocale con l’Agenzia del Demanio – ha detto il sindaco di Riccione, Renata Tosi -. Dopo 30 anni l’Arma dei carabinieri avrà una caserma adeguata, alloggi nuovi per i suoi militari ai quali va la stima e la gratitudine della nostra comunità. Un ringraziamento doveroso all’Arma per la dedizione da sempre dimostrata al nostro territorio, donne e uomini che anno dopo anno, estate dopo estate, hanno garantito la serenità per i cittadini e i nostri turisti. Un ringraziamento va anche all’Agenzia del Demanio per la risposta veloce che ha dato su una problematica di lunga data che siamo riusciti finalmente a risolvere. Ringrazio per questo importante lavoro la nostra dirigente del Settore Servizi Finanziari, Cinzia Farinelli, il funzionario responsabile del Patrimonio, Katia Galli e la posizione organizzativa del settore Urbanistica, Odetta Tomasetti.

Notizie correlate
di Lamberto Abbati   
di Redazione