Indietro
sabato 12 giugno 2021
menu
Fed. Italiana Nuoto

La Polisportiva Riccione riaccende la macchina organizzativa: tre eventi

In foto: Giuseppe Solfrini e Federica Pellegrini
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 15 mar 2021 13:03 ~ ultimo agg. 18:12
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La Polisportiva Riccione riaccende la macchina organizzativa per ospitare lo sport di grande livello, che torna allo Stadio del Nuoto di Riccione dove trova casa dal 2004.

Saranno due settimane intense, con tre eventi nazionali della Federazione Italiana Nuoto a partire dal 20 marzo e fino al 3 aprile. Si disputeranno a Riccione le più importanti gare natatorie del panorama nazionale con i campioni del nuoto pronti a sfruttare “la piscina dei record” per strappare gli ultimi pass per Europei e Olimpiadi.

Dal 20 al 22 marzo arriveranno allo Stadio del Nuoto forza e leggiadria, con il Campionato Italiano Assoluto di Nuoto Sincronizzato che vedrà in vasca circa 300 atleti in rappresentanza di 44 società italiane.

Adrenalina, passione e competizione anche il 29 marzo, nella giornata del Campionato Italiano Assoluto di Nuoto di Fondo Indoor in vasca da 50 metri con un centinaio tra atleti e tecnici.

Dal 31 marzo al 3 aprile torneranno in vasca a Riccione i big del nuoto Azzurro per contendersi durante il Campionato Assoluto primaverile di Nuoto in vasca lunga le medaglie nazionali e le prospettive internazionali (qualifiche ai Campionati Europei di Budapest del 17-23 maggio e alle Olimpiadi di Tokyo, dal 24 luglio all’1 agosto). Gli atleti coinvolti per queste gare saranno circa 600, più circa 250 tra dirigenti e tecnici.

“Stiamo per affrontare un impegnativo sforzo organizzativo per affiancare come sempre la FIN nella preparazione e nello svolgimento di queste manifestazioni – spiega il presidente della Polisportiva Riccione, Giuseppe Solfrini –. Uno sforzo a cui siamo abituati, ma che diventa molto impegnativo in questo complicatissimo momento in cui l’amministrazione locale non solo non ci affianca, ma ostacola sul piano economico e di manutenzione straordinaria la gestione dell’impianto natatorio, chiuso all’utenza dallo scorso ottobre per l’emergenza Covid. Un impegno a cui comunque la Polisportiva non si è voluta sottrarre e che si unisce a quello già di per sé decisamente grav1oso del garantire l’apertura quotidiana della piscina per permettere agli atleti agonisti riccionesi e di tutto il territorio di continuare ad allenarsi. Si tratta di circa 500 atleti delle nostre e di altre numerose squadre di discipline acquatiche da Savignano a Cattolica, passando per San Marino, di militari dell’aerosoccorso, di vigili del fuoco e salvataggi: se stiamo stringendo i denti gettando il cuore oltre l’ostacolo lo facciamo anche per loro, permettendogli in questo periodo di forti limitazioni di potere almeno continuare a fare attività. Ma non so davvero per quanto tempo ancora. Siamo comunque davvero felici di ritrovare nella nostra piscina tutti gli atleti, campioni, i tecnici e le società sportive nazionali che non hanno lesinato di fare arrivare sostegni e manifestazioni di stima alla Polisportiva Riccione nei lunghi mesi di difficoltà che stiamo affrontando, al contrario di quanto sul nostro territorio sta facendo chi di queste manifestazioni si fa lustro e chi negli anni ne ha fatto il proprio core business. Queste gare federali sono organizzate da FIN in collaborazione con Polisportiva Riccione e con il patrocinio del Comune di Riccione. In piscina attuiamo tutte le normative vigenti e i Protocolli anti-Covid della Federnuoto e ovviamente saranno eventi a porte chiuse. Non mancherà comunque la visibilità, con la trasmissione della manifestazione su RaiSport+HD e sul sito di Rai Sport”.