Indietro
menu
Sequestro dei Carabinieri

Deteneva marijuana e nandrolone decanoato. Arrestato 28enne

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 5 mar 2021 08:20 ~ ultimo agg. 11:58
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Rimini, nel contesto di specifici servizi contro lo spaccio sulla riviera romagnola, hanno portato a termine un’importante operazione di Polizia Giudiziaria che ha consentito di trarre in arresto un 28enne, residente in Rimini, per detenzione ai fini di spaccio di gr. 600 circa di marijuana e sostanza dopante denominata NANDROLONE DECANOATO, nonché per il possesso di svariate confezioni di farmaci inclusi nelle categorie doping come da decreto ministeriale 11 giugno 2019, in gran parte di origine straniera e di provenienza illecita.

In particolare, nel proseguo delle attività connesse all’operazione antidroga “NO SMOKING” condotte nei giorni scorsi a Rimini, il cane “CYR” dell’unità cinofila del Nucleo CC di Torreglia (PD) segnalava insistentemente la presenza di sostanza sospetta all’interno di una cantina chiusa a chiave, nella disponibilità di un insospettabile, abitante in un condominio del centro di Rimini, e non coinvolto in alcuna precedente indagine. All’interno della cantina il cane ha subito indirizzato i Militari su una borsina in telo, adagiata su una pila di gomme ivi custodite, al cui interno vi erano due involucri in cellophane trasparente contenenti infiorescenze diMarijuana, del peso complessivo di grammi 600 circa.

Le operazioni di perquisizione venivano estese anche alla sua abitazione, dove sono stati rinvenuti, all’interno di un mobiletto della camera da letto, un flacone da 10 ml di nandrolone decanoato di origine straniera, nonché svariate confezioni di farmaci inclusi nelle categorie doping come da decreto ministeriale 11 giugno 2019, in gran parte di origine straniera e di provenienza illecita, per la quale è stato contestato anche il reato di “ricettazione”.

Lo stupefacente e i prodotti di carattere dopante venivano sottoposti a sequestro penale, mentre l’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Rimini, a disposizione dell’A.G.

Questa mattina ci sarà la convalida del provvedimento da parte del Giudice per le Indagini Preliminari.

Notizie correlate
di Redazione   
di Andrea Polazzi   
VIDEO