Indietro
menu
I lavori procedono

Prende forma in Basilicata la scuola Panoramica di Riccione

In foto: lo stabilimento in Basilicata
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 26 feb 2021 14:16 ~ ultimo agg. 14:36
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La nuova scuola Panoramica di Riccione sta prendendo forma in Basilicata. Il sindaco Renata Tosi, insieme all’assessore Lea Ermeti, al presidente del consiglio comunale Gabriele Galassi e al dirigente Michele Bonito, sono andati in visita allo stabilimento di Francavilla in Sinni, in provincia di Potenza, dove la ditta Edil Legno sta predisponendo i materiali che, una volta assemblati, serviranno per la struttura, i pavimenti e le rifiniture. Intanto nel sito a Riccione sono già state gettate le fondamenta. L’amministrazione ha investito per la nuova scuola 2,8 milioni di euro.

Abbiamo potuto visionare tutta la parte riguardate la struttura – ha detto l’assessore Ermeti – nonché i legnami usati per la rifinitura e per i pavimenti che sono stati già imballati per il trasporto. E’ già tutto pronto e la ditta, che si è aggiudicata l’appalto per la realizzazione della nuova scuola primaria Panoramica, con un investimento dell’amministrazione di Riccione di 2 milioni e 800 mila euro, si sta organizzando per il trasporto e il trasferimento nel sito dove nel frattempo sono state gettate le fondamenta e spianato il terreno per l’impianto in legno“.

La parte di edificato, che sono le fondamenta sono finite – ha spiegato il sindaco Tosi –. Tra qualche giorno, a marzo, inizieranno i lavori in superficie per la palestra che dovrebbe essere completata entro il mese, poi proseguiranno. I materiali che arriveranno a breve a Riccione saranno stoccati nei magazzini Geat e poi verranno assemblati in loco. Nei prossimi giorni organizzeremo un incontro, compatibilmente con gli impegni del dirigente scolastico, con i genitori e l’amministrazione per condividere lo stato di avanzamento dei lavori e le tempistiche per la nuova scuola“.