Indietro
menu
A Cattolica e San Giovanni M.

Due rapine a supermercati con (millantata) cintura esplosiva, arrestato 51enne

In foto: repertorio
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 12 feb 2021 14:58 ~ ultimo agg. 13 feb 13:23
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ha rapinato due discount – L’Ecu di via caduti del Mare a Cattolica e la Lidl di via al Mare a San Giovanni in Marignano – nel giro di 72 ore millantando di avere con sé una cintura esplosiva. In entrambi i casi, con il volto travisato da mascherina e cappuccio, si era presentato alla cassa con la scusa di acquistare delle birre e, con tutta calma e a bassa voce, aveva intimato al dipendente di turno di consegnargli l’incasso, “altrimenti faccio saltare tutti per aria”. Nel primo caso (era il 5 febbario) era fuggito con 300 euro, nel secondo (il 7 febbraio) con 700.

I carabinieri della Tenenza di Cattolica, guidati dal tenente Antonino Miserendino, lo hanno arrestato mercoledì con l’accusa di rapina. In realtà è stato lui, un 51enne napoletano con alle spalle precedenti per rapina, furto e spaccio, da tempo residente a Rimini, a presentarsi spontaneamente in caserma, consegnandosi di fatto ai militari e ammettendo i due colpi. Si sentiva braccato e quando ha capito che un’eventuale fuga non sarebbe durata a lungo, ha preferito fare il primo passo.

Del resto gli investigatori dell’Arma si erano messi sulle sue tracce grazie all’analisi delle immagini delle telecamere dei due discount e di quelle installate in zona. Una volta dato un nome e cognome al rapinatore, rintracciarlo non è stato complicato. Questa mattina il gip del Tribunale di Rimini ha convalidato il fermo e confermato il carcere per il 51enne, aiutato nella fuga dopo la rapina al Lidl dalla sua compagna, una 51enne della provincia di Bari, anche lei disoccupata, che lo ha atteso in macchina. La donna è accusata di rapina in concorso, ma per il momento non è stato ravvisata l’esigenza cautelare.