Indietro
menu
Ma le indagini continuano

Danneggiamenti a Coriano, denunciati quattro minori. Le scorribande esibite sui social

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 20 feb 2021 10:04 ~ ultimo agg. 16:12
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Le indagini dei Carabinieri della Stazione di Coriano su alcuni gravi episodi di danneggiamento verificatisi nell’ultimo mese portano i primi risultati.
Ad essere state prese di mira dai vandali prima una serie di auto della polizia locale e dell’amministrazione Comunale in sosta in via Lavatoio; poi successivamente è stata data alle fiamme una panchina all’interno del Parco dei Cerchi.
Sin dal primo episodio i carabinieri del luogo hanno compreso che i fatti non fossero da ricondursi ad episodi intimidatori (erano i giorni del fermento per l’installazione della contestata antenna), hanno avviato serrate attività d’indagine acquisendo, tra l’altro, numerosi filmati degli impianti di videosorveglianza della zona ed ascoltando le testimonianze dei residenti. Quindi, hanno proceduto ad una minuziosa attività di analisi di tutte le pagine social network relative a gruppi di cittadini, fino ad incrociare le informazioni raccolte con i dati dei controlli del territorio, durante i quali i carabinieri avevano più volte identificato gruppi di minori.
E così, poco alla volta, il cerchio si è stretto sempre di più fino ad arrivare all’identificazione di un minore che, come un trofeo, sfoggiava sul proprio profilo social le immagini che lo ritraevano durante le scorribande.
A quel punto, per i militari è stato semplice risalire alla comitiva di amici, fino ad arrivare all’identificazione certa ed al conseguente deferimento in stato di libertà presso l’A.G. dei minori, di quattro ragazzi, tutti diciassettenni, studenti e residenti a Coriano, i quali sono già stati convocati in caserma ed interrogati.
Gli inquirenti, consapevoli che il gruppo di vandali sia ben più ampio, stanno proseguendo le indagini e sono certi di giungere all’individuazione degli elementi mancanti nel giro di pochi giorni. A quel punto, saranno tutti chiamati a rispondere, in concorso tra loro, di danneggiamento aggravato.