Indietro
menu
le scelte della Giunta

A Riccione rette asili bloccate. Battarra: promesse di Bonaccini su gratuità?

In foto: L'ingresso della scuola materna Mimosa
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 20 gen 2021 15:30 ~ ultimo agg. 15:31
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nessun aumento per l’anno educativo 2021-2022 negli asili nido, scuole materne e centri estivi di Riccione.  Resta invariato, da delibera di Giunta, anche il costo del prolungamento dell’orario degli asili nido Rodari e della scuola dell’Infanzia Floreale, c’è una riduzione della quota per assenze superiori a 15 giorni e un taglio della retta di gennaio del 50% che tiene presente le festività di Natale e Pasqua ma anche chiusure straordinarie e non programmabili.

Le tariffe delle rette delle scuole dell’infanzia comunali sono rimaste invariate almeno dal 2016. Nessun aumento da 6 anni scolastici – commenta l’assessore ai Servizi Educativi, Alessandra Battarra -. La nostra scelta è stata quella di andare incontro alle esigenze delle famiglie per cui il costo del servizio delle istituzioni per l’infanzia è rimasto invariato e non subirà rincari neanche per l’anno scolastico 2021-2020. Non sono state riviste le rette delle mense e vengono mantenute tutte le agevolazioni e le scontistiche come la riduzione nel caso di assenza di 15 o più giorni consecutivi del 50% di una quota retta. Mantenere invariato anche il costo del prolungamento dell’orario è un modo efficace di raccogliere le istanze che arrivano da famiglie con bambini in cui entrambi i genitori lavorano”.

Fin qui l’impegno dell’amministrazione che però sottolinea come queste scelte siano tutte sostenute da risorse comunali visto che le promesse di gratuità da parte della Regione ancora non siano diventate realtà. “E’ passato un anno e mezzo – dice ancora la Battarra – da quando dalla Regione e dal Governatore Bonaccini si prometteva la totale gratuità dei servizi scolastici all’infanzia. Promessa rimasta tale nonostante le difficoltà delle famiglie dovute al calo occupazione e attività per Covid. Il mantenimento delle attuali rette e agevolazioni provengono dalle risorse proprie del Comune di Riccione che col proprio Bilancio ha rinnovato praticamente tutta l’edilizia scolastica. La nostra città del resto non ha mai aspettato bonus né ha creduto alle promesse”.

 

Nel dettaglio:

Viene mantenuta la riduzione delle tariffe in proporzione all’utilizzo del servizio in base al parametro del numero di giorni di assenza. Sono previste riduzioni in caso di assenza prolungata di 15 o più giorni consecutivi esclusivamente per malattie certificate. La riduzione nel caso di assenza di 15 o più giorni consecutivi è pari al 50% di una quota retta. Nel calcolo dei giorni non si considerano i periodi di chiusura per le festività di Natale e Pasqua. È prevista un’unica riduzione della retta (una tantum) pari al 50% della retta di gennaio, che tiene in considerazione le festività di Natale e Pasqua e tutte le chiusure straordinarie, anche non programmabili. Per i nuovi iscritti, la retta del primo mese di frequenza sarà conteggiata in base alla data di inizio dell’ambientamento del bambino comunicata dall’educatrice/insegnante. Nessun aumento per il servizio mensa e vengono mantenute le 30 fasce ISEE per le agevolazioni previste per i residenti. Il 27 gennaio si aprono le iscrizioni per l’anno 2021-2022 alle scuole dell’infanzia comunali. Le iscrizioni potranno essere effettuate entro il 28 febbraio per le scuole dell’infanzia comunali Belvedere, Ceccarini, Floreale, Fontanelle, Mimosa e Piombino. I genitori potranno ricevere informazioni sul modello organizzativo con un open day in videoconferenza comunicando entro il 3 febbraio la partecipazione a educativi@comune.riccione.rn.it

Scadono il 25 gennaio invece le iscrizioni alla classe prima della scuola primaria IC1, IC Zavalloni e al servizio ristorazione.

Notizie correlate
di Redazione   
di Maurizio Ceccarini