Indietro
menu
feste appese a un filo...rosso

Zona rossa per le feste. Discussione serrata, quando la decisione?

di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 17 dic 2020 14:07 ~ ultimo agg. 16:32
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Quel che è certo è che la decisione non è stata ancora presa e, sembra, che difficilmente potrà arrivare in giornata. Se l’Italia passerà le feste in rosso si deciderà negli incontri previsti nel pomeriggio prima tra Governo e Regioni e poi nel seguente vertice tra capidelegazione. La parola definitiva arriverà poi nel consiglio dei ministri di domani alle 18. Se ancora manca la certezza sulle misure, è ormai assodato che si andrà verso ulteriori restringimenti. L’ipotesi circolata nelle ultime ore è quella di disporre regole da zona rossa (quindi bar e ristoranti chiusi e spostamenti con autocertificazione anche all’interno del comune) il 24, 25, 26, 27 e 31 dicembre e l’1, 2 e 3 gennaio. Non è però ancora escluso che la zona rossa valga anche il 6 gennaio oppure, al contrario, che si introducano per l’intero periodo regole da “zona arancione” (niente spostamenti fuori comune e bar e ristoranti sempre chiusi). Si valutano possibili deroghe solo per le messe e per incontrare genitori o partner. Per quanto riguarda invece il fine settimana del 19 e 20 dicembre non dovrebbero esserci limitazioni supplementari. Il governo sarebbe infatti orientato a non limitare gli spostamenti. Dal 21 scatterà invece, come già previsto, il blocco della mobilità tra regioni. “Dobbiamo fare delle scelte per tutelare i più fragili e gli anziani, a costo di sfiorare l’impopolarità. Dovremo passare il Natale ognuno a casa propria – ha detto a Sky il ministro per gli affari regionali Francesco Boccia – “è evidente che stiamo andando verso restrizioni nel periodo delle festività, se qualcuno ipotizza feste, cenoni, assembramenti sbaglia di grosso.” Intanto c’è chi, in attesa del Governo, si muove in autonomia. Il presidente del Veneto Luca Zaia in giornata emanerà una ordinanza che predispone la chiusura dei confini comunali dalle 14 del 19 dicembre fino al sei gennaio. Intanto San Marino annuncia che il cenone di Capodanno sarà possibile fino all’1 di notte. L’apposito decreto sarà emanato dal Governo (vedi notizia).

Notizie correlate
di Lucia Renati   
VIDEO