Indietro
menu
commento al vangelo d'avvento

I 100 anni del seminario regionale, con iniziative anche riminesi

In foto: i seminaristi con i formatori
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 9 dic 2020 12:37
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Domani, 10 dicembre, ricorre il 101° anniversario del Pontificio Seminario Regionale Flaminio “Benedetto XV”. Dal giugno scorso, nuovo Rettore del Pontificio Seminario Regionale Flaminio di Bolognaè il riminese Don Andrea Turchini, fino ad allora parroco di Santarcangelo. Si tratta del secondo sacerdote riminese designato per questo incarico. In precedenza, era toccato a don Nevio Ancarani, dal 1958 al 1971.

 Attualmente sono 23 i seminaristi accolti, ai quali si aggiungono due diaconi in formazione (dell’Arcidiocesi di Ravenna-Cervia). Sono due i seminaristi della Diocesi di Rimini attualmente in formazione al Flaminio. Due seminaristi provengono, invece, dalla Diocesi di San Severo (Foggia).

In occasione della giornata della festa del Seminario, è stato organizzato un confronto tra ex seminaristi (ora sacerdoti) e i seminaristi attuali. L’incontro è stato spostato (a causa delle normative anti-Covid 19) sul web giovedì 10 dicembre alle ore 15,30. Chi volesse connettersi, può farlo inviando una email all’indirizzo seminarioregionaleflaminio@gmail.com e ottenere il link per la connessione.

Ci sono almeno tre elementi che fanno di questo anno di seminario un tempo nuovo. – racconta il Rettore, don Andrea Turchini – Possiamo dire che iniziamo un tempo nuovo. Coloro che ci hanno preceduto ci hanno lasciato una bella eredità di esperienza e di tradizione, ma a noi, che viviamo il seminario in questo tempo, è affidata la responsabilità di tradurre questa lunga esperienza formativa nel tempo attuale che la Chiesa vive, caratterizzato soprattutto dall’impegno per l’evangelizzazione. Nel mese di settembre 2020 abbiamo ricominciato un’esperienza quotidiana di seminario dopo sei mesi di distanziamento dovuti alla pandemia. Cosa significa vivere la formazione seminaristica in questo tempo e di fronte a sfide che nessuno prima di noi ha mai dovuto affrontare? Abbiamo imparato a riconoscere che ogni circostanza rappresenta una provocazione che ci viene dal Signore; per questo non ci perdiamo d’animo e con fiducia affrontiamo questo tempo nuovo. Il nuovo anno intrapreso è caratterizzato da diverse novità e consapevoli della responsabilità che ci viene affidata nel vivere questo nuovo tempo”.

È un periodo di crisi ma questa crisi può essere “creativa”. Il Seminario, ad esempio, ha iniziato un sostegno pastorale a distanza. Tra le diverse iniziative (due itinerari rivolti alle famiglie e ai giovani, sussidi elaborati sul sito www.seminarioflaminio.it), una riguarda da vicino Rimini. Don Andrea Turchini e alcuni tra i seminaristi più grandi preparano ogni settimana dei brevi commenti video ai vangeli delle domeniche di Avvento, una rubrica che settimanalmente viene irradiata da Icaro TV di Rimini nel programma “I Giorni della Chiesa”, ogni venerdì sui 91 del digitale terrestre o in streaming su icaroplay.it, alle ore 20.35. E consente alla comunità del Seminario di mettersi al servizio delle persone e delle parrocchie, e farsi sentire presente anche se fisicamente lontana.

A causa del contagio e delle restrizioni non si sono potute concludere le celebrazioni per il primo centenario. Il ‘Flaminio’ pensa di proporre la celebrazione il prossimo 25 marzo 2021, solennità dell’Annunciazione del Signore. In quell’occasione sarà presentato e donato ai presenti il volume celebrativo Chiamati e inviati. Il primo centenario (1919-2019) del Pontificio Seminario Regionale Flaminio «Benedetto XV» in Bologna, che raccoglie numerosi contributi sulla storia del seminario. La celebrazione eucaristica vedrà la partecipazione dei vescovi dell’Emilia-Romagna e di mons. Jorge Carlos Patròn Wong, segretario della Congregazione del Clero.