Indietro
menu
Nessun ritardo

Vaccino antinfluenzale. Ausl rassicura: dosi in arrivo come da programma

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 8 ott 2020 18:22
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nessun ritardo, la campagna  vaccinale prenderà il via il 12 ottobre, con più dosi rispetto allo scorso anno e in anticipo rispetto al 2019. Le rassicurazioni arrivato dal Dipartimento di Sanità Pubblica e i Servizi di Cure Primarie dell’Ausl Romagna. La distribuzione dei vaccini è in corso e i medici di famiglia e i servizi vaccinali dispongono già dei quantitativi necessari per iniziare la vaccinazione, specie delle categorie di utenti più fragili; le restanti dosi arriveranno in tempi adeguati.

L’AUSL Romagna ha già acquistato 268.000 dosi di vaccino, 78mila destinate alla provincia di Rimini, circa il 17% in più del 2019. Considerando che le persone vaccinate nella campagna passata hanno raggiunto quota 205.781, il quantitativo disponibile quest’anno consentirà di aumentare la quota di oltre il 30%.

Già consegnate, spiega ancora l’azienda sanitaria, tutte le dosi del vaccino “adiuvato” (113.000 dosi complessive, 33.000 a Rimini) destinato alle persone con più di 65 anni, e tutte le dosi dei vaccini antipneumococcici (19.000 di cui 5.200 nel riminese) destinati ai nati nel 1955, ai cronici di tutte le età non ancora vaccinati, e a coloro che devono completare il ciclo vaccinale sequenziale.

Consegnato invece circa il 25% del vaccino per le persone con meno di 65 anni, per gli operatori sanitari e per gli operatori addetti ai servizi pubblici di primario interesse collettivo. La ditta produttrice ha assicurato il completamento della consegna a metà ottobre.

L’Asl ricorda ai cittadini che la vaccinazione può essere efficacemente effettuata fino alla fine dell’anno e non c’è alcun pericolo di rimanere senza vaccino.

Per garantire una quota di dosi anche per le “farmacie convenzionate” e per i cittadini che non appartengono alle categorie a rischio, la Regione ha liberato una frazione dei quantitativi previsti nel contratto di acquisto regionale.

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
di Redazione