Indietro
menu
tragedia a viserba

Muore a casa di un amico dopo una serata alcolica

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 12 ott 2020 12:51 ~ ultimo agg. 18:40
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ morto nel letto, a casa di un amico che lo aveva ospitato dopo una serata alcolica. Le cause sono ancora ignote e la procura di Rimini intende vederci chiaro. La vittima è uno straniero di 36 anni, che lavora come operaio edile e vive a Viserba. Ed è proprio in un appartamento di Viserba che l’altra notte si è consumata la tragedia.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, intervenuti sul posto, il 36enne aveva preso parte ad una rimpatriata tra amici, la maggior parte suoi connazionali, andata avanti fino a notte fonda. Durante la serata il gruppo di amici avrebbe bevuto parecchio. Risate, scherzi e superalcolici. Alcuni testimoni hanno raccontato che l’operaio avrebbe bevuto più o meno mezza bottiglia di superalcolico da solo: “Era allegro, aveva bevuto come tutti, ma stava bene”. Al momento dei saluti, il 36enne ha chiesto al padrone di casa, suo amico, di poter dormire da lui.

Il mattino seguente, intorno alle 10, quando l’amico ha cercato di svegliarlo si è reso subito conto che qualcosa non andava. L’ha chiamato ripetutamente, l’ha scosso più volte, ma niente. Così, spaventato, ha richiesto l’intervento del 118. Quando i sanitari sono entrati in casa non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. L’operaio, infatti, era già morto. Sul suo corpo, stando alla relazione del medico legale, non sono presenti segni di violenza. Potrebbe essersi trattato di un malore, magari causato dall’ingente quantitativo di alcol ingerito, ma per fugare ogni dubbio il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha disposto per oggi l’autopsia.

I carabinieri non escludono alcuna ipotesi, neppure quella che conduce al mix di alcol e sostanze stupefacenti. Il 36enne potrebbe aver assunto della droga anche prima di raggiungere gli amici, quindi a loro insaputa. Non riesce a darsi pace l’amico che lo ha ospitato e che vive con la madre: “Quando è andato a dormire stava bene… Non so spiegare cos’è accaduto”.

Notizie correlate
di Redazione