Indietro
menu
investimenti per 200mila euro

Teatro Astra e comune. Accordo per altri 18 anni

In foto: i firmatari
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 23 set 2020 14:59
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Prosegue il sodalizio tra Cinema Teatro Astra e Comune di Bellaria Igea Marina. E’ stato infatti sottoscritto un nuovo accordo tra l’Amministrazione Comunale e la Famiglia Zignani . Il Comune estenderà di ulteriori 18 anni (9 + 9) le proprie attività all’interno della struttura, accollandosi un canone calmierato di 10.000 euro annui e impegnandosi, sin da ora, alle importanti opere di adeguamento e manutenzione straordinaria richieste dalla struttura. Investimenti che sfioreranno nel complesso i 200.000 euro. Gli interventi saranno realizzati in collaborazione con la società Anthea.
I nuovi accordi proseguono e consolidano ulteriormente il legame sancito dal precedente contratto di locazione, stipulato nel 2014 e in scadenza quest’anno. Dotato di proiettore 4k, l’Astra è di fatto anche l’ultima sala cinematografica rimasta attiva in città.
C’è un filo sottile che lega questo nuovo passo per la vita culturale di Bellaria Igea Marina all’acquisizione e alla progressiva restituzione alla comunità, ad esempio, della ex Fornace. Sono gli atti concreti di una Amministrazione che, in un Comune ancora relativamente giovane, intende fare molto sul fronte dell’acquisizione e della valorizzazione patrimoniale”, le parole del Sindaco Filippo Giorgetti.
Un contesto in cui il Cinema Teatro Astra”, sottolinea l’Assessore alla Cultura Michele Neri, “gioca davvero una partita a parte sul piano emozionale. Per tutti noi, è la casa della cultura a Bellaria Igea Marina. Grazie alla Famiglia Zignani per questo nuovo accordo, che ci offre una programmazione di ampio respiro per i prossimi due decenni: dall’Amministrazione, l’impegno a rispettare e proseguire quella mission, vicina alla cultura e all’arte in tutte le sue espressioni, che ispirò e ancora ispira la storica sala di viale Paolo Guidi.”