Indietro
menu
altre due rapine in 20 minuti

Il rapinatore seriale fa paura: tabacchi ripulito, ma dalla parrucchiera il colpo fallisce

In foto: @adriapress
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 1 set 2020 18:08 ~ ultimo agg. 2 set 11:42
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il rapinatore seriale, che la scorsa settimana aveva messo a segno tre colpi in tre giorni, due in farmacia e uno al Conad di fronte all’ospedale Infermi, oggi pomeriggio è tornato in azione. Prima, verso le 16, ha cercato di rapinare una parrucchiera in via Pascoli. Poi, dopo 20 minuti, ha fatto irruzione nella tabaccheria di via Flaminia, di fronte alla caserma Giulio Cesare, ed è fuggito con circa mille euro in contanti. Due rapine quindi, una tentata l’altra riuscita, nel giro di una ventina di minuti.

Il malvivente si è introdotto all’improvviso in un salone da parrucchiera dove all’interno c’era solo la titolare, di origini moldave, che stava dando lo straccio. La donna, che di solito chiude a chiave la porta d’ingresso, oggi l’aveva lasciata accostata e si è vista arrivare davanti a lei un uomo col volto travisato da mascherina chirurgica, cappellino e occhiali da sole. Una volta dentro, il rapinatore ha chiuso la porta e ha afferrata la donna per un braccio. Ma la parrucchiera si è ribellata ed ha iniziato a urlare a squarciagola. Le grida sono state avvertite da una coppia di nonni, in compagnia del nipotino, che si trovava poco distante. Nemmeno il tempo di avvicinarsi al negozio che il malvivente è schizzato fuori ed è corso via in direzione monte.

Mentre i carabinieri gli stavano dando la caccia, il bandito è entrato nuovamente in azione, questa volta alla tabaccheria Giorgetti in via Flaminia. Il figlio del titolare ha visto entrare un uomo col volto travisato che all’improvviso ha tirato fuori una piccola pistola, forse una semiautomatica, e l’ha minacciato di consegnare l’incasso. L’esercente ha provato a resistere (“Ma che fai? Guarda che ci sono le telecamere”), ma alla fine è stato costretto a consegnare i contanti in cassa, circa mille euro. Col bottino in tasca il rapinatore seriale di è dileguato ancora una volta a piedi prima dell’arrivo dei carabinieri.

Quella di oggi è la quarta rapina andata a segno, ma la sensazione è che il malvivente non intenda fermarsi qua.

Altre notizie
di Lamberto Abbati
VIDEO
Tra troppe presunte certezze

Andrà tutto boh!

di Gianluca Angelini
Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
VIDEO