Indietro
mercoledì 28 ottobre 2020
menu
Il futuro del Rimini F.C.

Rimini Calcio. Rota gioca su due tavoli: o cessione a Paesani o ingresso di un nuovo socio

In foto: Alfredo Rota
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 31 lug 2020 17:02 ~ ultimo agg. 1 ago 16:05
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Alfredo Rota, da due settimane proprietario del Rimini F.C., gioca su due tavoli: da una parte continua la trattativa per la cessione di quote (preferibilmente il cento per cento) alla cordata riminese guidata da Lucio Paesani, dall’altra ha iniziato da giovedì a parlare con un nuovo imprenditore del settore della logistica (lo stesso del presidente del club biancorosso), presentatogli dal direttore sportivo (non ancora ufficiale) Alfio Pelliccioni per la cessione di parte delle quote. Per il momento con l’ultimo (in ordine di tempo) interessato ad entrare nella Rimini Calcio c’è stato un solo incontro, troppo poco per parlare di trattativa avviata.

Sta assumendo invece i toni di una telenovela la trattativa con il gruppo di Paesani. Il patron del Coconuts in un primo momento aveva proposto a Rota di affiancarlo acquisendo con la sua cordata il 70/80% della società biancorossa, lasciando comunque a Rota la presidenza. Proposta che pare non aver soddisfatto il proprietario del Rimini F.C., che avrebbe espresso la volontà di uscire totalmente. Paesani e soci avrebbero deciso comunque di andare avanti, ma sono ancora in attesa della documentazione attestante i conti del club biancorosso.

Intanto passano i giorni e si avvicina la data del 9 agosto, giorno nel quale la squadra dovrebbe partire per il ritiro di Sant’Agata Feltria. Il rischio di dover posticipare il ritiro o di partire con una squadra lontana dall’essere completa è sempre più reale.

Notizie correlate