Indietro
menu
la presidente Laura fincato

Fincato (Airiminum): "la società è stabile e porta lavoro. A Forlì i miei auguri"

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 16 giu 2020 17:56 ~ ultimo agg. 17 giu 12:51
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nel pomeriggio è arrivata in redazione una nota nella quale la presidente di Airiminum spa, Laura Fincato, fa alcune precisazioni e difende la gestione dello scalo riminese che definisce “stabile strumento per lo sviluppo delle strategie turistiche dei prossimi anni”. 

La Presidente di Airiminum Laura Fincato rompe il silenzio per difendere l’operato della società che gestisce coinvolta – “nostro malgrado – dice – in un legittimo dibattito politico tra territori”. Ma lo scopo della nota inviata alle redazioni è precisare, elencandoli, i risultati raggiunti dallo scalo riminese in questi anni.

Fincato mette al primo posto il ripristino dei volumi di traffico pre-fallimento: il 2019 si è chiuso con circa 400 mila passeggeri (+29%) e il 2020 era iniziato registrando un +134% nei primi due mesi (dati Assaeroporti). Le stime pre-Covid per l’anno in corso erano di 540 mila passeggeri e non consideravano ancora alcuni voli annunciati in questi ultimi giorni come Teheran con Iran Air, (con loro – le stime 2020 sarebbero state corrette al rialzo a circa 600 mila passeggeri). Secondo punto, il consolidamento del modello di business basato su voli di linea che ha convinto a tornare, o ad arrivare per la prima volta in Romagna, alcune delle principali compagnie aeree e che consentirà di sviluppare alcuni mercati strategici. Ryanair (tornata in Romagna dopo aver interrotto i voli nel 2012 con Rimini; nel 2020 aveva in programma 7 destinazioni); Pobeda, la compagnia low cost russa di Aeroflot arrivata la prima volta in Romagna nel 2019 e che inizierà nel 2020 col volo giornaliero da Mosca tutto l’anno (si aspetta San Pietroburgo dal 2021); c’è anche una non precisata compagnia russa, la principale – dice Fincato – che sarà ufficialmente annunciata a breve e che non era mai arrivata prima in Romagna. Nell’elenco c’è anche Lufthansa, che dal 2019 collega Rimini a Monaco, Albawings-Blue Panorama dal 2016 collega tutto l’anno la Romagna all’Albania, Lot, la compagnia di bandiera polacca con la rotta Rimini-Varsavia. Poi ci sono i charter dal mercato russo. l’Imminente firma del Contratto di Programma con Enac, prevede un volume di investimenti infrastrutturali di circa 23,3 milioni di euro tra il 2020 e il 2023. Gli investimenti saranno spesi in prevalenza con aziende del territorio – sottolinea la presidentessa – contribuendo ad incrementare i livelli occupazionali di tutta la Romagna. Il 25 giugno l’assemblea degli azionisti approverà il bilancio di esercizio 2019 del Gruppo AIRiminum: volume di fatturato di circa 10,7 milioni di euro, patrimonio netto di 8,3 milioni, debiti verso il sistema bancario zero, liquidità di cassa di 4 milioni di euro, utile di esercizio di circa 1 milione di euro.
Fincato aggiunge di essere orgogliosa di aver potuto affrontare agevolmente la crisi Covid grazie a questi numeri (nonostante i dipendenti siano stati messi in cassa integrazione ndr).

La nota alle redazioni chiude ironicamente riferendosi al derby con Forlì: “se un giorno qualcuno ritenesse che sia opportuno aprire un altro aeroporto in Romagna, da parte mia sicuramente non mancherà un grande in bocca al lupo agli imprenditori nostri colleghi, anzi di più, i miei sentiti e personali “Auguri”.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione