Indietro
menu
L'approfondimento

Test sierologici. Paolizzi: ai medici nessuna indicazione. Celli (Nuova Ricerca): costi e tempi

In foto: repertorio
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 8 mag 2020 12:26 ~ ultimo agg. 9 mag 09:51
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La Regione ha annunciato giovedì che dal 12 maggio ogni cittadino potrà fare test sierologici nei laboratori autorizzati. Ciò potrà avvenire su indicazione del medico.

Interpellato nella mattinata di venerdì dalla trasmissione Tempo Reale, il dottor Corrado Paolizzi spiega però che ai medici di base non sono ancora arrivate comunicazioni. “Forse prima di fare annunci, avrebbero dovuto informare noi” dice, spiegando di essere comunque favorevole ai test. “Li consiglierei ai miei pazienti

La Nuova Ricerca di Rimini, insieme a Sistema 2000 e clinica Montanari di Morciano, è uno dei laboratori privati accreditati dalla Regione ad effettuare i test sierologici per il covid-19. “Siamo pronti a partire – spiega a Tempo Reale il direttore generale Giorgio Celliattendiamo la delibera“. Celli spiega anche la tempistica e il costo del test (compreso l’eventuale secondo esame in caso di positività): 38 euro complessivi per entrambi con risultati nel giro di un paio di giorni.

Per fare il test, spiega la Regione, il primo passo è telefonare al proprio medico, evitando di recarsi di persona presso il suo studio. Se il sanitario riterrà appropriata la richiesta, redigerà una “ricetta bianca”, che potrà anche essere inviata in foto sullo smartphone del paziente. Con questa ricetta, anche fotografata, ci si potrà recare presso uno dei laboratori autorizzati per il prelievo. Una volta ricevuto l’esito, va comunicato al proprio medico. Se il test risulterà positivo agli anticorpi, il paziente verrà sottoposto a regime di quarantena a domicilio, informata l’Ausl di competenza, che procederà all’esecuzione del tampone naso-faringeo, per avere la conferma della malattia. Da ultimo, trattandosi di un documento rilasciato nell’ambito della medicina privata, l’esito del test non verrà caricato automaticamente sul fascicolo sanitario elettronico del paziente, che però potrà farlo autonomamente.

Notizie correlate
di Redazione