Indietro
menu
Frutta: +13,3% in un anno

Prezzi al consumo. Federconsumatori: impennata di frutta e verdura

In foto: Foto di repertorio
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 23 mag 2020 13:26
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dall’analisi dei prezzi al consumo del comune di Rimini nel mese di aprile salta all’occhio un aumento consistente dei beni alimentari e in particolare di frutta e verdura. Lo rileva Federconsumatori. La frutta ha segnato un’impennata del 5,6% ad aprile e del 13,3% su base annua mentre la verdura del 5,3 e del 5,2. In aumento anche il prezzo del pesce (+1,6% mensile e +4% annuo). Incrementi controbilanciati dal calo invece dei prezzi alla voce trasporti, comunicazioni e soprattutto energia (gas , luce e carburanti decrescono del 3.8% a causa del crollo del prezzo del greggio). Complessivamente l’inflazione nel comune di Rimini è rimasta stabile rispetto a marzo e ha segnato una lieve crescita su base annua (+0,2%).

A pesare però sul portafoglio dei riminesi è però il prezzo del carrello della spesa. E proprio nel pieno dell’emergenza covid. Federconsumatori addebita gli aumenti di frutta e verdura “a speculazione, forte domanda, poca concorrenza, debolezza delle reti commerciali, chiusura dei mercati cittadini e dei produttori che  hanno mandato fuori controllo i prezzi“. “Sarebbe molto  importante – prosegue l’associazione – verificare in quale punto della filiera alimentare si sono verificate le maggiori speculazioni, se nella produzione, nella trasformazione, nella distribuzione oppure nella vendita al consumatore finale“.
Federconsumatori spiega di aver ricevuto molte segnalazioni da parte dei cittadini in merito all’aumento proprio dei prodotti più richiesti durante la crisi. Il timore dell’associazione è che con le  riaperture delle fase due vengano scaricati sul consumatore tutti i costi relativi alle misure legate ai protocolli – Covid.
Occorre vigilare e intervenire – spiega l’associazione – perché non si verifichino aumenti anomali, immotivati e speculativi“. Federconsumatori Emilia Romagna ha lanciato in questi giorni una indagine sui prezzi al consumo attraverso la compilazione on-line di un questionario che è disponibile a questo link: https://forms.gle/br391jjE3iPLevtJA

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
di Maurizio Ceccarini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna