Indietro
menu
Università Aperta "Masina e Fellini"

Mercoledì Giovanardi in diretta Facebook su Piero della Francesca

In foto: San Sigismondo e Sigismondo Pandolfo Malatesta
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 22 mag 2020 12:00 ~ ultimo agg. 12:36
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Pur tra le mille difficoltà di questo periodo Università Aperta “G. Masina e F. Fellini” non si è arresa. Attiva dal 1996, Università Aperta, autentico centro educativo in vari indirizzi e discipline per tutte le esigenze e per tutte le fasce d’età degli utenti, ha registrato l’iscrizione di oltre 7mila soci con una significativa partecipazione ai suoi corsi e ai suoi viaggi d’istruzione e con centinaia di cittadini che hanno usufruito di numerose iniziative gratuite.

Ora Università Aperta, dopo avere sospeso tutte le sue attività corsuali e dopo avere visto pesantemente compromesse le sue possibilità di sopravvivenza, ritorna alla ribalta cittadina con una conferenza di Alessandro Giovanardi, esimio studioso e critico d’arte. L’iniziativa vuole rappresentare un segnale forte di volontà di ripresa dopo oltre due mesi di forzato silenzio. Ecco allora spiegato il significato della serata dedicata da Giovanardi a: “Il Maestro dell’impassibilità. Piero della Francesca tra Rimini e Urbino”.

L’appuntamento per i soci e per i cittadini è per mercoledì 27 maggio alle ore 20:45 sulla pagina Facebook Università Aperta “G. Masina e F. Fellini”.

Artista e matematico, Piero della Francesca è sicuramente uno dei più grandi pittori del Quattrocento italiano. “Monarca della pittura”, secondo la definizione del suo concittadino Luca Pacioli, Piero fu ospite di importanti corti italiane realizzando nel 1451 per i signori di Rimini il monumentale affresco “San Sigismondo e Sigismondo Pandolfo Malatesta”, custodito nel Tempio Malatestiano, e negli anni 1469-72 per il duca Federico da Montefeltro a Urbino il doppio ritratto dei duchi di Urbino e la pala di Brera.

Un’occasione imperdibile per i soci e non di Università Aperta per riscoprire con il maestro di Sansepolcro una delle personalità tra le più emblematiche del Rinascimento italiano, le cui opere colpiscono per un attento uso della prospettiva, frutto di precisi studi geometrici.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna