Indietro
menu
Ma Rimini dovrebbe restare fuori

Conte ufficializza: lockdown fino al 3 maggio, poi auspicio di ripresa in sicurezza

In foto: Conte
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 10 apr 2020 19:43 ~ ultimo agg. 11 apr 10:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il premier Giuseppe Conte conferma la data del 3 maggio per la proroga del lockdown attraverso un nuovo Dpcm: “una decisione difficile ma necessaria di cui mi assumo tutte le responsabilità politiche” . “Le misure stanno dando dei frutti ma non siamo ancora in quella condizione di poter ripartire a pieno regime”, ha detto. Da martedì 14 aprile riaprono librerie, cartolerie e negozi per neonati. Ripartono anche il taglio dei boschi e le attività forestali. Per il territorio di Rimini, va ricordato che al momento sono in vigore più restrittive rispetto a quelle nazionali e si attende di sapere quale sarà l’atteggiamento della Regione: l’orientamento dovrebbe essere quello di mantenere limitazioni più stringenti

Si sta già lavorando sulla fase due, spiega Conte annunciando la squadra di esperti che lavorerà alla ripresa in sicurezza guidata dall’imprenditore Vittorio Colao. “Il lavoro per la fase 2 è già partito, non possiamo aspettare che il virus sparisca dal nostro territorio. Servirà un programma articolato e organico su due pilastri: un gruppo di lavoro di esperti e il protocollo di sicurezza nei luoghi di lavoro”. “Ipotizziamo una ripresa delle attività a pieno regime ma con protocolli rigorosi. Non possiamo debellare il virus. Dovremo conviverci”.

Sul fronte europeo, la strada è quella degli eurobond. E sul Mes, specifica: “Esiste dal 2012”. Per poi attaccare, facendo i nomi, Salvini e Meloni che avevano parlato di un accordo già preso in questo senso: “Questo Governo non lavora nelle tenebre. L’Italia non ha bisogno del Mes, è uno strumento inadeguato e inadatto”. “La lotta per gli eurobond, la farò al Consiglio dell’Ue. Non firmerò nulla senza strumenti adeguati alla sfida al coronavirus”.”E’ un negoziato difficile, le falsità rischiano di indebolire l’intera Italia”.  Sulla patrimoniale, “non c’è nessuna proposta concreta e non la vedo all’orizzonte”.

Salvini e la Meloni replicano a stretto giro accusando Conte di avere usato la diretta per un comizio, “roba da regime” dicono.

la conferenza stampa di Conte:

Conferenza stampa

In diretta da Palazzo Chigi

Pubblicato da Giuseppe Conte su Venerdì 10 aprile 2020

Notizie correlate
di Redazione