Indietro
menu
Serve soluzione equa

Asili e scuole private e abbonamenti sportivi/spettacoli. L'appello di Federconsumatori

In foto: Graziano Urbinati, presidente Federconsumatori
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 2 apr 2020 13:32 ~ ultimo agg. 13:45
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Federconsumatori di Rimini fa sapere di aver ricevuto varie segnalazioni in merito ad alcune problematiche relative alle richieste di pagamento di rette mensili da parte di istituti privati o paritari ma anche sugli abbonamenti sportivi e/o di spettacoli in corso durante l’emergenza Covid.
In merito alla prima istanza, l’associazione evidenzia come ci siano istituti che hanno chiesto il pagamento integrale delle rette mensili, a partire dal mese di marzo, “sulla scorta di presunte spese di gestione non ammortizzabili” mentre altre abbiano invece abbattuto le rette per venire incontro alle difficoltà delle famiglie.
Per quanto riguarda gli abbonamenti sportivi, a Federconsumatori sono stati segnalati che alcuni impianti non hanno previsto la sospensione in attesa di poter individuare un nuovo periodo di fruizione. Alcune strutture, spiega ancora l’associazione, hanno invece rifiutato di accordare rimborsi o voucher di abbonamenti a teatri e/o attività di spettacolo relativi al periodo di non utilizzo per l’emergenza.

Federconsumatori chiede quindi al Governo di individuare una soluzione che possa tener in considerazione le difficoltà economiche di entrambe le parti coinvolte.

Per segnalazioni: segreteria@federconsumatoririmini.it oppure  380.3876127 (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12).