Indietro
menu
intervista

Modou, dal Senegal a Rimini

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 19 feb 2020 17:29 ~ ultimo agg. 25 feb 12:22
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Intervista a Modou, ragazzo senegalese arrivato a Rimini nel 2018 e attualmente accolto presso l’appartamento Post 18 di Viale Valturio a Rimini, gestito dalla Fondazione San Giuseppe.

L’appartamento accoglie ragazzi neomaggiorenni, cresciuti fuori famiglia, che hanno la possibilità di sperimentare l’indipendenza abitativa e la condivisione di un progetto di vita con un operatore che li affianca e supporta nel raggiungimento dei propri obiettivi.

Ciao Modou! Ci racconti un po’ della tua storia? Che cosa facevi prima di entrare al Post 18?

Sono nato in Senegal dove ho vissuto fino all’età di 16 anni insieme alla mia famiglia. Ho studiato lì ma poi ho dovuto abbandonare gli studi perché i miei genitori non potevano più permettersi di pagarmi la scuola e così ho deciso di venire in Italia.

Mi mancano molto mia madre e i miei fratelli, ma fortunatamente ci sentiamo spesso.

Quando sono arrivato a Rimini, sono stato accolto presso la Comunità Educativa per minori Casa Borgatti ed è iniziato il mio percorso di integrazione nella comunità.

Al compimento dei 18 anni mi sono prima trasferito in un appartamento per ragazzi neomaggiorenni gestito dalla Comunità Papa Giovanni XXIII e poi presso la Casa di Viale Valturio, gestita dalla Fondazione.

Attualmente frequento il terzo anno del Corso per diventare operatore di impianti elettrici presso la Fondazione Enaip di Rimini e quest’estate ho gli esami finali.

post 18Sto anche svolgendo uno stage presso un’azienda di Rimini e spero tanto di poter continuare a lavorare lì una volta terminati gli studi!

Ti trovi bene a casa? Vai d’accordo con gli altri coinquilini?

Nonostante alcune disuguaglianze, perché veniamo da paesi diversi e facciamo lavori differenti, andiamo tutti d’accordo. Abbiamo i nostri spazi e se vogliamo studiare o stare per conto nostro possiamo farlo, ma allo stesso modo cerchiamo di dedicare del tempo a svolgere alcune attività tutti insieme.

A me ad esempio piace molto cucinare e spesso preparo dei piatti da condividere insieme agli altri ragazzi.

Qual è il tuo sogno per il futuro?

Mi piacerebbe terminare gli studi e trovare subito un lavoro Questo mi consentirebbe di diventare completamente autonomo e poter così andare a vivere da solo.

Ho anche il desiderio di voler prendere la patente, per potermi spostare senza difficoltà. So che la macchina è un prerequisito essenziale per il lavoro, perché in questo modo sarei facilitato nell’ottenimento di un posto.

 

Vuoi aiutare Modou a realizzare il suo sogno?

 
Notizie correlate
di Redazione   
Presentazione del libro

I primi 40 anni di Caritas

di Redazione