Indietro
martedì 24 novembre 2020
menu
Basket D

Dany Riccione, il blitz in casa della Grifo Imola è un bel colpo in chiave play off

In foto: Alessio Mazzotti
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 24 feb 2020 14:02
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

GRIFO IMOLA-DANY DOLPHINS RICCIONE 65-73

IL TABELLINO
GRIFO IMOLA: Riguzzi F. 11, Riguzzi N. 12, Lanzoni, Saibi 5, Guglielmo 15, Baruzzi, Mondini 7, Cai, Paciello 12, Simoni, Castelli 3. All. Palumbi.

DANY RICCIONE: Zangheri ne, Amadori Mi. 4, Bomba 10, Amadori Ma. 7, Zanotti 4, Gardini 12, Brattoli 7, De Martin 2, Mazzotti 20, Stefani 7. All. Ferro.

ARBITRI: Vaccarella e Gargiulo di Bologna.

Parziali: 23-12, 33-38, 52-57.

CRONACA E COMMENTO
È un gran colpo in chiave playoff quello che la Dany Riccione piazza al PalaRuggi di Imola (65-73). Sul parquet del Grifo Basket, una delle squadre più forti del girone B di serie D regionale, i ragazzi di coach Maurizio Ferro si riprendono da una partenza shock, rimontano, sorpassano e perfino dilagano, prima di portare a casa un referto rosa che vale il 5° posto in classifica.

Il primo quarto in effetti sembra lasciar presagire a tutt’altra serata, con i padroni di casa del Grifo piuttosto sciolti in attacco mentre i Dolphins non riescono proprio a trovare la via del canestro. Alla prima sirena il punteggio è 23-12 per i locali eppure il -11 non spaventa i biancazzurri che rinserrano le fila, stringono le maglie difensive e ritrovano brillantezza in attacco. Ne scaturisce un secondo quarto da urlo, che vede la Dany piazzare un parziale di 26-10 che ribalta clamorosamente la sfida mandando le squadre all’intervallo lungo con Riccione avanti di cinque (33-38).

È la grande serata di Alessio Mazzotti, un classe 2003 che prende per mano i compagni fino a trascinarli alla vittoria. Venti punti per il prodotto del vivaio biancazzurro con 8/13 da due, 6 falli subiti e le solite 6 palle recuperate. Nel secondo tempo Imola prova a riprendersi la partita ma i Dolphins non mollano di un centimetro e mantengono il +5 anche alla terza sirena (52-57), Ed è all’inizio del quarto periodo che Riccione produce la fuga decisiva, chiudendo il canestro e arrivando anche sul 52-66, il che significherebbe restituire il +14 patito nella gara di andata.

Si chiude comunque con una vittoria di grande importanza (65-73), frutto del prezioso contributo di altri classe 2003 come Stefani (9 rimbalzi) e Gardini (12 punti) in una serata peraltro poco felice dalla lunga (4/20 da tre) e con tanti punti lasciati in lunetta (9/20 ai liberi). La corsa ai playoff continua con rinnovata fiducia, prossimo impegno venerdì (ore 21) sul parquet di casa contro la formazione del Budrio.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Redazione