venerdì 19 luglio 2019
menu
In foto: Alessandra Imbriani e Graziella Ricci
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 11 lug 2019 23:08
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Vero, manca ancora un po’ all’inizio della stagione 2019/2020, ma l’entusiasmo che gravita attorno alla Virtus Romagna è palpabile. Quindi, perché non sedersi e fare due chiacchiere con il nuovo coach della squadra riminese Alessandra Imbriani (ex allenatrice della Flaminia Fano) per comprendere un poco di più cosa aspettarci dalla prossima stagione?

Per Imbriani non è una novità venire a lavorare in terra romagnola. La prima volta che lasciò Fano per venire ad allenare a Rimini era il 2001 e lo sport di riferimento non era il calcio a 5, bensì a 11. Tuttavia, la presidente per la quale andò a lavorare in quella esperienza è la stessa per la quale lavorerà durante la prossima stagione, Graziella Ricci: l’anima e il cuore della società virtussina. «Ho sempre ricordato con piacere quella prima esperienza fatta insieme. In questi anni, io e Graziella non ci siamo mai perse di vista, ma seguite reciprocamente. Ho sempre apprezzato in lei la passione, la schiettezza, la grande ambizione e un modus operandi che definirei “vulcanico”» ha dichiarato Imbriani.

Dopo il primo amore verso il calcio a 11, Alessandra torna a Fano e scopre il futsal, sport per il quale si innamora profondamente e che le permette di tratteggiare un’intensa carriera sulla panchina della “sua” storica società, la Flaminia Fano: una esperienza che la porta a conquistare anche una doppia promozione nel tempo in Serie A d’élite. Ora, questa nuova prova alla guida tecnica della Virtus Romagna: «Sono qui per una nuova sfida insieme a Graziella. La sua telefonata è arrivata al momento giusto e l’ho colta con entusiasmo».

Imbriani ha già avuto modo di conoscere la squadra al completo: «Il gruppo mi soddisfa, mi stimola molto e sono certa che lavorando sodo può migliorare tanto. Un mix fra chi viene da una realtà regionale e chi ha già calcato le scene di A2 e A1, che riesce ad abbinare esperienza, qualità tecniche importanti, mentalità vincente e – in senso positivo – “incoscienza da neopromossa”».

La nuova coach virtussina ha, inoltre, già ben chiaro qual è la strada da seguire per essere protagoniste di un’annata importante: «Si tratta di un roster con tanti elementi nuovi che avranno bisogno di conoscersi e amalgamarsi. Sarà quindi fondamentale acquisire quanto prima consapevolezza e identità di squadra. Tutte le ragazze si sono dimostrate cariche e pronte di intraprendere questo nuovo percorso».

Imbriani è conscia dell’eccitazione che avvolge l’ambiente ed è proprio per questo che ci tiene sin da subito a mettere in chiaro le cose: «Si percepisce intorno alla squadra attenzione, curiosità ed energia positiva, ed è proprio da questo entusiasmo collettivo che partiremo. Ma poi ci vorranno impegno, umiltà, pazienza e tanto tanto lavoro sul campo. Il campionato di A2, rispetto a qualche anno fa, è cresciuto in qualità e mentalità: presenta degli staff sempre più preparati e società solide e ben organizzate. Sono tante le squadre che stanno alzando l’asticella con acquisti mirati di giocatrici di alto livello. Noi siamo una neopromossa, per cui è difficile stabilire ora un obiettivo stagionale, soprattutto prima di vedere in quale girone saremo. Ma non voglio nemmeno porre dei limiti. Non vogliamo essere una comparsa, ed è per questo che affronteremo ogni singola sfida dando tutto quello che è nelle nostre possibilità per fare bene e magari stupire».

Insomma, gli ingredienti per far sì che questa sia una grande stagione ci sono tutti e la coach Alessandra Imbriani sembra essere a tutti gli effetti la persona migliore a prendere per mano questa squadra: «Il viaggio è iniziato. Ora, forza Virtus Romagna!» ha concluso.

Michelangelo Bachetti
Addetto stampa Femminile Virtus Romagna

Altre notizie
di Roberto Bonfantini
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna