lunedì 19 agosto 2019
menu
In foto: Marzio Pecci consegna la mozione di sfiducia
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti Visualizzazioni 1.634 visite
ven 12 lug 2019 11:48 ~ ultimo agg. 13 lug 13:19
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min Visualizzazioni 1.634
Print Friendly, PDF & Email

Una seduta lunga sei ore con alcune sospensioni e anche una riunione dei capigruppo convocata per cercare di riportare la calma. Il consiglio comunale di ieri sera a Rimini ha riservato momenti di tensione.

Uno strascico delle polemiche di un paio di settimane fa quando la presidente del consiglio Sara Donati fu accusata dalla minoranza di aver tergiversato per prendere tempo e consentire l’ingresso di alcuni esponenti della maggioranza che altrimenti non avrebbe avuto i numeri per far approvare una delibera. Ieri sera proprio la minoranza ha presentato l’annunciata mozione di sfiducia nei confronti della presidente ma, regolamento alla mano, la discussione non è potuta avvenire nel corso della seduta ma sarà posticipata al prossimo consiglio comunale. La tensione però è aumentata: prima Marzio Pecci della Lega, primo firmatario della mozione, ha protestato per non aver potuto presentare il documento e poi il consigliere di Rinascita Civica Mario Erbetta ha rincarato la dose. I toni si sono alzati e sono volate accuse reciproche dai banchi di minoranza (con Erbetta a gridare “fascisti” ai dirimpettai) e maggioranza. La presidente Donati si è vista costretta ad interrompere la seduta e convocare i capigruppo. Il consiglio è poi ripreso con maggiore tranquillità (forse vista anche l’ora tarda). Ma anche nella prossima seduta si preannunciano scintille. Nel corso del suo intervento Erbetta, rivolgendosi alla presidente, ha anticipato anche un ricorso alla Prefettura.

La mozione, spiega Pecci, dovrebbe essere discussa nel consiglio del 25 luglio e “qualora – scrive – la maggioranza rifiutasse di proporre un nuovo nominativo di garanzia dei diritti dei consiglieri, si creerebbe all’interno del Consiglio comunale una frattura insanabile.

La nota di Marzio Pecci

La opposizione unita ha consegnato la mozione di revoca dall’incarico di Presidente del Consiglio comunale così come aveva anticipato il Capogruppo Lega, Marzio Pecci, pochi giorni fa per i fatti accaduti nella seduta del 13 giugno 2019.

La mozione dovrà essere discussa al più presto e la data, salvo sorprese, sarà quella del 25 luglio 2019.

La mozione di sfiducia, che era stata anticipata al Presidente in Conferenza dei Capigruppo dal Capogruppo Lega, Marzio Pecci, è stata sottoscritta da tutti i tredici consiglieri di opposizione.

Purtroppo il Presidente, da tempo, svolge il proprio ruolo solo a favore della maggioranza violando le norme regolamentari del Consiglio comunale. Questo comportamento non più essere accettato dalla minoranza.

Pertanto l’opposizione, che aveva votato la nomina della Presidente Donati confidando nella correttezza dello svolgimento della funzione, non sentendosi più tutelata propone, alla maggioranza, la mozione di sfiducia e quindi la revoca dell’incarico.

Alla maggioranza, da subito, diciamo chiaro che qualora la maggioranza rifiutasse di proporre un nuovo nominativo di garanzia dei diritti dei consiglieri, confermando la fiducia alla attuale Presidente, si creerebbe, all’interno del Consiglio comunale, una frattura insanabile, tra maggioranza ed opposizione, che causerebbe gravi danni ai cittadini e le responsabilità ricadrebbero tutte sulla maggioranza.

I tentativi del Presidente del Consiglio di scongiurare la presentazione della mozione di sfiducia, anche impedendo lo svolgimento della Commissione di controllo e garanzia, ricorrendo ad errate valutazioni interpretative del regolamento, sono stati tutti neutralizzati da una opposizione ferma e determinata nello svolgimento del proprio mandato così come aveva promesso al proprio elettorato.

La nota di Mario Erbetta

Ieri sera durante il Consiglio Comunale abbiamo assistito all’ennesima violazione dei diritti della minoranza. Al consigliere Pecci, che voleva presentare formalmente la mozione di sfiducia contro il Presidente del Consiglio, è stato impedito di parlare non per discutere la subito la mozione, cosa improcedurale, ma solo per poter pubblicamente dichiarare la consegna della mozione firmata dai 13 consiglieri della minoranza. Poco prima, il presidente del Consiglio, temporeggiava e ritardava la votazione sulla provvisoria esecutività della delibera per i debiti fuori bilancio per dare il tempo al Sindaco, che mangiava tranquillamente al Ponte di Tiberio come le immagini su Facebook confermano, di poter tornare a votare e dare il diciasettesimo voto utile al fine dell’approvazione, cosa non accaduta nelle precedenti votazioni a causa della defezione di un consigliere di Patto Civico.
Queste situazioni si aggiungono al comportamento del Presidente del Consiglio che qualche settimana fa durante una votazione usciva dall’aula, seguendo le istruzioni del consigliere Magrini, per far mancare il numero legale ad una delibera che avrebbe visto soccombente la maggioranza, dato che i componenti di patto Civico avevano dichiarato il voto sfavorevole.
Questi comportamenti compromettono la figura super partes che il ruolo di Presidente del Consiglio deve avere e confermano la necessità da parte delle minoranze di sfiduciare un Presidente ormai esplicitamente di parte.
Ma la cosa ancora più grave accaduta ieri sera e che per poter dare voce all’istanza fatta precedentemente dal consigliere Pecci sono stato costretto a intervenire fuori tema durante il dibattito della delibera sui prossimi lavori da fare alla Stazione. Un intervento legittimo ma che in tutti i modi è stato ostacolato prima dal Presidente stesso, invitandomi a parlare solo della delibera, e poi dal baccano e dalle urla dei banchi della maggioranza e del Pd a partire dal suo capogruppo Piccari (la cui voce abbiamo il piacere di sentirla solo in queste baruffe da Stadio) e dell’assessore Jamil, baraonda creata ad hoc mentre leggevo la deontologia a cui deve attenersi un Presidente del Consiglio.
I paladini della democrazia hanno cercato per l’ennesima volta, con comportamenti intimidatori da veri fascisti, di chiudere la bocca alla minoranza e alla mia persona con urla e baccano, ma come ho concluso nel mio intervento mi dispiace per loro ma “ Non mi chiudereranno mai la bocca”

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna