sabato 20 luglio 2019
menu
In foto: una delle nuove grotte scoperte
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti Visualizzazioni 2.077 visite
sab 22 giu 2019 15:12 ~ ultimo agg. 23 giu 14:53
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 2.077
Print Friendly, PDF & Email

Tre nuove grotte nel centro di Santarcangelo. L’eccezionale scoperta è avvenuta qualche giorno fa, durante i lavori di ristrutturazione e restauro conservativo di un edificio privato in via della Costa. Il dedalo di ipogei scavati nel sottosuolo del centro storico si arricchisce dunque di ulteriori grotte – annesse ad alcune abitazioni di Contrada dei Fabbri crollate tra il 1919 e il 1920 – rimaste intatte e in perfetto stato di conservazione.

Lo hanno constato gli esperti della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, dell’Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile regionale insieme ai tecnici dell’Amministrazione comunale durante il sopralluogo compiuto ieri (venerdì 21 giugno) assieme alla proprietà e alla direzione dei lavori.

Due delle tre grotte – la più lunga delle quali misura 13 metri – presentano una struttura a volta con l’ingresso in mattoni e sono dotate di nicchie, mentre la terza è a pianta rettangolare. Collegate fra loro, alcune sono state riempite nel tempo con materiali di risulta e macerie, che verranno rimossi nei prossimi mesi visto che è intenzione della proprietà rendere il luogo fruibile al pubblico.

Anche i lavori di consolidamento di alcune grotte private – eseguiti grazie al finanziamento di 100mila euro della Regione Emilia-Romagna – hanno riservato alcune sorprese. Mentre in via Pio Massani è in corso un intervento di consolidamento piuttosto importante su una grotta dove alcuni anni fa si erano verificati dei crolli, infatti, in via Tavernello è stato rinvenuto un pozzo di luce particolarmente profondo, finora ostruito da macerie.
Prosegue infine anche il lavoro dell’Amministrazione comunale per il reperimento delle risorse necessarie a finanziare l’intervento di risanamento e valorizzazione che permetterà di riportare alla luce la nevaia-cisterna di forma circolare presente sotto il selciato di via Saffi. Il restauro, il cui costo è stimato in 250.000 euro, permetterà di collegare la nevaia-cisterna con la grotta di piazza Balacchi, creando un percorso unico e particolarmente interessante dal punto di vista turistico.

Notizie correlate
Una questione delicata

Legge o coscienza?

di Andrea Turchini   
di Icaro Sport   
VIDEO
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna