mercoledì 19 giugno 2019
menu
In foto: Zanzini di Federmoda
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 13 giu 2019 11:50 ~ ultimo agg. 11:52
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Un settore sempre più in difficoltà. Federmoda e Confocommercio lanciano l’allarme sulla crisi del commercio al dettaglio e in particolare per il settore abbigliamento viene chiesto lo “stato di calamità”. “La mancata primavera del 2019 – dicono Giammaria Zanzini, vicepresidente regionale e consigliere nazionale di Federmoda e il presidente provinciale di Confcommercio, Gianni Indino  – è stata un’autentica mazzata, con una diminuzione sensibile delle vendite dei capi di stagione”. i negozi chiudono e il timore è che vengano sostituti da bazar low coast che deprezzano ulteriormente l’offerta.

I negozi e i magazzini sono stracolmi di merce – sottolinea Zanzini -. Il maltempo è diventato l’ulteriore tassello di una crisi che non accenna a cessare. Una circostanza che purtroppo si sta ripetendo spesso in questi ultimi anni, provocando ingenti danni economici e una marginalità sempre più risicata al punto che, lavorando su collezioni stagionali, Federmoda chiede a gran voce che il nostro settore venga assimilato all’agricoltura e di poter dunque invocare lo stato di calamità del dettaglio moda. Ora poi, arrivano i saldi estivi (inizieranno il 6 luglio, ndr) e non c’è molto tempo per recuperare, anche se è ancora presto per tirare le conclusioni sul 2019 dopo un 2018 con acquisti del tutto fermi, anzi in calo (-1,7%). La situazione sta diventando insostenibile per le microimprese e i numeri la fotografano bene. Negli ultimi tre mesi in provincia di Rimini ci sono 150 imprese del commercio al dettaglio in meno: quelle attive sono passate dalle 5.117 del 31/12/2018 alle 4.967 del 31 marzo scorso. Il commercio continua ad essere il principale settore economico provinciale (27,7% sul totale delle imprese attive), ma fa registrare un brusco -1,9% sul primo trimestre dello scorso anno. (Fonte Infocamere/Movimprese)”.

Il clima che cambia impone più flessibilità nel settore del commercio stagionale – spiega Indino -. Non giriamoci attorno: per tutto ciò che è successo, i saldi arrivano prestissimo. Ma adesso non si può intervenire con nessuna azione, anche volendo. Anche se la Regione decidesse di posticipare le date, come chiede più della metà dei commercianti, il rischio del nomadismo commerciale verso i territori di confine diventerebbe certezza, vanificandone i benefici. Queste decisioni vanno prese nell’ambito della Consulta delle Regioni e a livello nazionale con ulteriori misure a sostegno del settore che continuiamo a chiedere con insistenza, perché purtroppo la crisi del commercio non accenna a mollare la presa, anzi. Sappiamo già che a fine anno chiuderanno altri negozi di abbigliamento e che il nostro territorio continuerà a perdere l’offerta di eccellenza, con il rischio di vederla rimpiazzata dall’ennesima infornata di chincaglieria low coast”.

Notizie correlate
di Sabrina Campanella   
di Redazione   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna