mercoledì 20 novembre 2019
menu
l'indagine della procura

Carbonizzato in A14, il pm dispone accertamenti sui rottami

In foto: quello che resta del Maggiolino
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto Visualizzazioni 1.230 visite
mer 12 giu 2019 19:04 ~ ultimo agg. 13 giu 13:37
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto Visualizzazioni 1.230
Print Friendly, PDF & Email

Ci saranno degli approfondimenti sulla morte di Stefano Borgogelli, il 41enne di Fano rimasto carbonizzato all’interno della sua auto mentre ieri pomeriggio percorreva la A14 tra i caselli di Riccione e Cattolica in direzione sud. Così ha stabilito il pubblico ministero della Procura di Rimini, Davide Ercolani, che ha disposto l’autopsia sui resti di Borgogelli oltre a una serie di accertamenti tecnici su quel poco che resta del Maggiolino rosso su cui viaggiava il 41enne.

Alcuni testimoni hanno raccontato agli agenti della polizia autostradale di aver visto la Volkswagen, avvolta dalle fiamme, spostarsi lentamente verso destra andando a strisciare contro il guard rail della corsia di emergenza. Per Borgogelli, rimasto incastrato all’interno della vettura, non c’è stato nulla da fare. Dagli esiti sulla consulenza dei rottomi, forse si riuscirà a capire qualcosa di più di una morte assurda.

 
Altre notizie
di Andrea Polazzi
Notizie correlate
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna