lunedì 17 giugno 2019
menu
sostenere, accogliere, accompagnare

Fondazione San Giuseppe per l'aiuto materno e infantile


Contenuto Sponsorizzato
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 29 mag 2019 10:12 ~ ultimo agg. 31 mag 09:28
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

La Fondazione San Giuseppe per l’Aiuto Materno e Infantile ONLUS nasce in continuità con l’Istituto San Giuseppe fondato nel 1910 dall’incontro tra due illustri cittadini riminesi – la nobildonna suor Isabella Soleri e il prof. Antonio Del Piano – mossi dalla forza caritatevole l’una e dall’impegno scientifico l’altro, per accogliere e assistere bambini e mamme in situazioni di difficoltà.

In tutti questi anni la Fondazione San Giuseppe – Sigismondo d’Oro 2010 e Premio Marco Biagi 2011 – ha saputo interpretare e affrontare i profondi cambiamenti sociali, sempre con quella umanità e spirito di servizio che l’hanno resa amata e apprezzata dai riminesi.

Alcune scelte sono state molto difficili e dolorose: in molti ricorderanno la sofferta chiusura prima della Maternità poi dell’Ospedalino dei Bambini negli anni Ottanta del Novecento. Tuttavia è rimasta sempre fedele ai propri valori fondanti, integrata nel sistema di welfare del territorio, mantenendo intatta la propria mission: sostenere, accogliere e accompagnare l’infanzia e l’adolescenza più disagiata.

Attualmente le strutture di accoglienza – due comunità educative a carattere residenziale (Casa Borgatti e Casa Clementini) – accolgono temporaneamente minori in situazioni di grave difficoltà sociale e familiare (inviati dai Servizi sociali competenti su provvedimento del Tribunale per i Minorenni) e minori stranieri non accompagnati.

Tra i progetti messi in campo dalla Fondazione San Giuseppe un ruolo storico e importante è ricoperto dal Centro diurno per disabili “La Sorgente” che svolge le sue attività da oltre trent’anni.

Di cosa si tratta? Amiamo definirla “un’oasi di incontro nel cammino della vita”, un luogo di sostegno per le persone disabili e per le loro famiglie, un contesto caldo e accogliente dove anche chi vive condizioni gravi di disabilità e malattia possa sentirsi valorizzato e amato.

Si tratta di una struttura socio-sanitaria riservata a disabili non autosufficienti con minorazioni fisiche, psichiche e sensoriali per i quali non è possibile prevedere alcuna forma di inserimento lavorativo.

Destinando il tuo 5 x 1000 alla Fondazione San Giuseppe potrai contribuire a migliorare le nostre strutture dotandole di nuovi arredi e materiali per fare in modo che la permanenza dei ragazzi sia sempre all’altezza delle loro esigenze.

Potrai inoltre contribuire al raggiungimento degli obiettivi futuri. Tra i progetti in cantiere c’è l’apertura di una struttura post-18 per ragazzi neo-maggiorenni che escono dalle nostre Comunità ma hanno bisogno di essere seguiti per il tempo necessario a permettere la transazione all’ età adulta, e una struttura per il Dopo di noi per le persone con gravi disabilità.

Per destinarci il cinque per mille

SE PRESENTI IL MODELLO 730 O REDDITI

  1. Compila la scheda sul modello 730 o Redditi (ex Unico);
  2. Firma nel riquadro indicato come “Sostegno del volontariato…“;
  3. Indica nel riquadro il codice fiscale della Fondazione San Giuseppe: 82002010401.

PUOI DONARE IL TUO 5X1000 ANCHE SE NON SEI TENUTO A PRESENTARE LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI

  1. Compila la scheda fornita insieme al CU dal tuo datore di lavoro o dall’ente erogatore della pensione (puoi anche scaricarla da QUI) firmando nel riquadro indicato come “Sostegno del volontariato…” e indicando il codice fiscale della Fondazione San Giuseppe: 82002010401;
  2. Inserisci la scheda in una busta chiusa;
  3. Scrivi sulla busta “DESTINAZIONE CINQUE PER MILLE IRPEF” e indica il tuo cognome, nome e codice fiscale;
  4. Consegnala a un ufficio postale (che la riceverà gratuitamente) o a un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (CAF, commercialisti…).

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
Notizie correlate
di Redazione   
intervista a Mirca Renzetti

La Formica al teatro Galli

di Redazione   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna