martedì 23 luglio 2019
menu
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto Visualizzazioni 1.963 visite
ven 8 feb 2019 11:43 ~ ultimo agg. 9 feb 11:30
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto Visualizzazioni 1.963
Print Friendly, PDF & Email

 

Un diamante può non essere per sempre. Questo, parafrasando un noto spot, l’incipit della nota diffusa dalla Lega Consumatori di Rimini in riferimento alla sentenza con cui il Tribunale di Milano ha dichiarato il fallimento della società brocker di pietre preziose Intermarket Diamond Business. Numerosi cittadini, anche riminesi – spiega l’associazione – hanno acquistato per un valore “gonfiato” rispetto al valore effettivo, diamanti dalla IDB che ha utilizzato gli istituti bancari per “piazzarli” sul mercato come beni rifugio. Condotte sanzionate dall’AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) e poi censurate dagli acquirenti stessi che si sono rivolti alle associazioni dei consumatori per cercare di ottenere la risoluzione dei contratti con restituzione dei soldi corrisposti. Ma, purtroppo, è arrivata l’ennesima beffa: le pietre lasciate in deposito presso la IDB con la sentenza di fallimento restano infatti bloccate, almeno per ora, nell’azienda. Molti non hanno mai visto le pietre nelle quali hanno investito i risparmi di una vita. Tra i casi gestiti dalla Lega Consumatori, c’è anche chi ha investito più di 100mila euro. “È necessario agire velocemente – avverte l’avv. Emanuele Magnani, presidente dell’associazione riminese. La restituzione dei diamanti deve essere richiesta espressamente al curatore del fallimento per non perdere il proprio diritto”.
I consumatori danneggiati possono rivolgersi anche allo sportello della Lega Consumatori per avere le informazioni sulla corretta procedura da seguire telefonando allo 0541/784193 o scrivendo a info@legaconsumatoririmini.it

Altre notizie
di Simona Mulazzani
FOTO
di Redazione
Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna