venerdì 22 marzo 2019
In foto: la Annika Brandi
di Redazione   
lettura: 2 minuti 1.196 visite
sab 23 feb 2019 18:01 ~ ultimo agg. 24 feb 15:33
Print Friendly, PDF & Email
2 min 1.196
Print Friendly, PDF & Email

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha conferito 29 Attestati d’onore a giovani che si sono distinti come “costruttori di comunità” e quattro targhe per azioni collettive. Tra questi ci sono anche tre giovani riminesi studenti del Belluzzi-Da Vinci, un riminese volontario Unicef e una classe della scuola elementare “Annika brandi” di Riccione. Tutti i giovani premiati, nati tra il 1999 e il 2008, rappresentano modelli positivi di cittadinanza La cerimonia di consegna degli Attestati si svolgerà al Quirinale mercoledì 13 marzo alle 11.

I tre studenti dell’istituto ‘Belluzzi – Da Vinci’ di Rimini sono Nicolò Vallana, 07/07/2000, residente a Rimini; Luca Fermi, 17/07/2000, residente a Misano Adriatico e Edoardo Puce, 07/10/2000, residente a Rimini.  Per aiutare un compagno di classe, appena uscito dal coma e costretto a indossare un busto rigido, hanno ideato e realizzato un busto ortopedico flessibile, altamente tecnologico, che ha migliorato le condizioni di vita del giovane reduce dall’incidente. Il busto flessibile e’ stato poi presentato alla Fiera dei giovani scienziati Fast di Milano ed e’ stato selezionato per la Fiera della tecnologia di Dublino.

Jacopo Cavagna, 31/01/2002 residente a Rimini: volontario Unicef, tre anni fa ha deciso di ricostruire insieme ad alcuni amici il gruppo ‘Younicer – Young for Unicef’ della sua citta’. Grazie al suo impegno sono stati organizzati numerosi eventi di sensibilizzazione e di raccolta fondi, a sostegno della missione dell’Unicef. Ha riversato grande passione nel progetto ‘L’Officina del futuro dei giovani’, laboratorio per la partecipazione e l’impegno politico e sociale responsabile.

Scuola primaria ‘Annika Brandi’ – In una classe quarta la maestra ha insegnato agli alunni il pronto intervento in caso di crisi epilettiche di un loro compagno e ha stabilito i compiti di ciascuno nell’emergenza: chi deve prendere il farmaco dal cassetto, chi allungare il cuscino, chi avvisare il bidello. Gli incarichi di emergenza sono stati scritti su un cartellone appeso in aula.

L’assessore regionale Emma Petitti ha voluto congratularsi con i tre studenti riminesi e con l’intera classe elementare di Riccione: “Notizie come queste ci riempiono tutti di gioia e di orgoglio verso i nostri giovani. Ci tengo a complimentarmi con ciascuno di loro: siete dei grandi! Continuate su questa strada, perché grazie al vostro impegno tracciate la via per migliorare il nostro Paese e diffondere speranza e altruismo. Oggi più che mai ce n’è bisogno”.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna