martedì 19 febbraio 2019
In foto: all'esterno della casa (newsrimini)
di Simona Mulazzani   
lettura: 2 minuti 1.945 visite
dom 20 gen 2019 15:38 ~ ultimo agg. 22 gen 16:27
Print Friendly, PDF & Email
2 min 1.945
Print Friendly, PDF & Email

Un grande pannello fotografico, con il volto sorridente di Marco Simoncelli sulla sua moto, ha accolto questa mattina le tante persone che hanno partecipato all’inaugurazione della casa che porta il nome del grande campione e che diventerà un centro di accoglienza per ragazzi disabili, gestito dalla comunità di Montetauro. 

Un sogno diventato realtà, come ha detto il papà di Marco, Paolo. Una casa che rappresenta l’obiettivo più importante della Fondazione nata dopo la scomparsa di Marco in Malesia. Un giorno speciale quello scelto per l’inaugurazione, perché oggi Marco avrebbe compiuto 32 anni.

Una giornata straziante per i suoi familiari, da quel 23 ottobre del 2011, ma che da ora potrà essere ricordata per il frutto concreto del bene che il Sic ha seminato durante la sua vita. Per realizzare la grande casa, bella, spaziosa, con uno sguardo sul mare c’è stato il contributo di tanti sponsor importanti, ma anche il silenzioso aiuto di tante persone comuni, che anche con piccole donazioni, hanno reso possibile la realizzazione dell’importante progetto. Paolo ricorda sempre l’anziana signora che mensilmente versa 5,80 euro.

All’inaugurazione, oltre ai familiari e a Kate, la fidanzata che ancora oggi è anima della Fondazione, c’erano il vescovo Francesco Lambiasi, il prefetto Alessandra Camporota, il sindaco di Coriano Mimma Spinelli e i rappresentanti della comunità di Montetauro. Presenti anche alcuni colleghi piloti, come Mattia Pasini, il team manager Fausto Gresini e il giornalista, grande amico di famiglia, Paolo Beltramo.

L’intervento del sindaco:

Oggi 20 gennaio 2019 a Coriano un giorno di festa importante. L’eccezionalità di questo evento è dato da tre coincidenze. 1)oggi si festeggia  anche San Sebastiano patrono di Coriano 2)la famiglia Simoncelli ha deciso per la prima volta di festeggiare il Buon compleanno Sic proprio a Coriano 3)di solito sono gli invitati che portano i regali al festeggiato, oggi invece siamo tutti noi a ricevere il regalo più bello in assoluto dal festeggiato.

Marco ci ha sempre emozionato in pista e continua ad emozionare il Mondo intero attraverso la sua attenzione e generosità verso i più deboli. Da sindaco e da cittadina Corianese, ringrazio la famiglia Simoncelli per la condivisione del progetto con il territorio, ringrazio la Diocesi di Rimini per aver dato la disponibilità alla realizzazione,ringrazio i sostenitori della fondazione Simoncelli che hanno contribuito con le donazioni a raggiungere un obiettivo importante, ringrazio il Polistudio nella persona di Stefano la Motta per aver interpretato il progetto architettonico in maniera eccellente sia sotto il profilo richiesto da Paolo sia per l’armonia creata con il paesaggio collinare di Coriano. Ringrazio Kate Fretti per come ha gestito la raccolta fondi e quindi la velocità di realizzazione del progetto. Ringrazio l’istituto Alberghiero di Riccione  per aver realizzato la bellissima e buonissima torta per Marco. Ringrazio sin da ora i cittadini per la collaborazione che hanno dato e che daranno per il futuro della struttura. Ringrazio i volontari che hanno accolto tutti con il sorriso. Abbiamo invitato tutte le autorità civili e militari e religiose per condividere un momento importante come questo. Oggi, Marco, il tuo sogno è diventato il sogno di noi tutti, Coriano attraverso le tue imprese in Pista e quelle fuori pista è cambiata in meglio. Ti immaginiamo sul podio più alto, hai vinto la gara della Generosità. Stai donando non solo un luogo ma anche il tuo Cuore. A noi la responsabilità di custodirlo e di alimentare la fiamma della solidarietà per il futuro. Questa fiamma a Coriano avrà sempre il numero 58.

 

Notizie correlate
Mostra sulle ludopatie

Fate il nostro gioco

di Redazione
VIDEO
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna