Indietro
menu
controlli polizia

Controlli di Natale della Polizia: due arresti

In foto: controlli polizia a cavallo
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 26 dic 2018 12:17 ~ ultimo agg. 27 dic 08:48
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Due arresti, nove denunce e oltre 670 persone controllate durante i servizi straordinari messi in atto dalle forze dell’ordine per il Natale sul territorio riminese. 300 gli uomini in divisa impegnati, di cui 120 appartenenti alla Polizia di Stato, i quali hanno vigilato affinché tutte le manifestazioni, gli eventi e più in generale il tradizionale shopping natalizio si svolgessero nella maniera più sicura e serena possibile.

Particolare attenzione è stata rivolta ai luoghi di culto dove si sono svolte le Sante Messe.

I servizi di controllo del territorio, hanno visto l’impiego coordinato degli uomini della Questura, di personale di rinforzo della Polizia di Stato appartenenti ai Reparti Prevenzione Crimine, Reparti Mobili, unità ippomontate e unità cinofile, delle specialità della Polizia  Stradale, Ferroviaria, di Frontiera e Postale, nell’arco delle 24 ore, con una particolare attenzione per le fasce orarie ed i luoghi ritenuti più a rischio per la commissione di reati contro il patrimonio in particolare e, più in generale per tutte quelle attività illecite che destano maggiore allarme sociale.-

Oltre agli arresti e alle denunce sono stati controllati 254 veicoli, elevate 74 contravvenzioni al codice della strada, ed  effettuato 36 posti di blocco in vari punti della città.

Gli arrestati sono un trentenne tunisino, ricercato poiché ritenuto responsabile di rapina, ricettazione furto in abitazione, e condannato ad espiare la pena di 8 anni, 15 mesi e 13 giorni, e un quarantenne della Repubblica Dominicana, su cui pendeva un mandato di arresto internazionale emesso dalle Autorità spagnole, poiché condannato ad espiare la pena di 3 anni e 6 mesi di carcere, in quanto responsabile di associazione finalizzata al traffico di sostanza stupefacente.

Notizie correlate
di Redazione