lunedì 21 gennaio 2019
di Redazione   
lettura: 2 minuti
lun 5 nov 2018 12:52 ~ ultimo agg. 14:01
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Al via oggi in tutta la Regione le vaccinazioni contro l’influenza. Il picco di contagi è atteso tra fine novembre e dicembre. E se lo scorso anno in Romagna non si è andati oltre al 50,6% di copertura tra i soggetti a rischio, resta anche il problema del personale sanitario molto ritroso a vaccinarsi. Nella trasmissione del mattino di Radio Icaro e Icaro Tv Tempo Reale è intervenuto il presidente dell’ordine dei medici di Rimini Maurizio Grossi.

Influenza, pochi medici e infermieri vaccinati. Grossi (ordine medici) ipotizza incentivi

Partita anche in provincia di Rimini la campagna vaccinale contro l’influenza. L’obiettivo è far crescere la copertura tra le categorie a rischio che lo scorso anno in Romagna non è andata oltre il 50%, per avvicinarsi al 75% richiesto a livello nazionale. Resta il nodo poi del personale sanitario: sono molti, troppi, quelli che non si vaccinano (la copertura non arriva al 30%). “Manca la percezione del rischio” ammette il presidente dell’ordine dei medici di Rimini, Maurizio Grossi (intervenuto sulle pagine de Il Resto del Carlino e ai microfoni di Icaro). Per migliorare la situazione si potrebbe puntare, suggerisce, su campagne informative mirate da parte dell’Ausl (da mettere in piedi però con debito anticipo rispetto all’arrivo del virus) e magari su qualche incentivo come “un giorno di permesso per chi si vaccina, come accade, ad esempio, quando si dona il sangue.”

Intanto il picco influenzale è atteso per dicembre. Lo scorso anno in regione il virus ha messo a letto 680mila persone e purtroppo si sono registrate anche 48 vittime. Vaccinarsi, per chi è a rischio, resta fondamentale. “I vaccini in Italia sono controllati e sicuri – rassicura Grossi – ci può essere l’anno in cui il vaccino magari non è mirato sul virus ma questo fa parte della pratica medica che non è matematica ma basata su previsioni, statistiche e casi epidemiologici. Resta il fatto – conclude – la pratica vaccinale è fondamentale nel prevenire le malattie e ridurre la mortalità in certe fasce di popolazione più fragili“.

Altre notizie
al servizio di quattro comuni

Inaugurato il nuovo sportello Hera

di Redazione
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna